Gli infortuni e la guarigione

Cefalea cervicogenica: come la fisioterapia può intervenire?

Cefalea-cervicogenica
1 Cos'è la cefalea cervicogenica?
  • 1 Cos'è la cefalea cervicogenica?
  • 2 Principali cause e sintomi della sindrome cervicale
  • 3 Indicazioni importanti medico/paziente
  • 4 Come intervenire?

Cefalea cervicogenica: origine e incidenza

La sindrome cervicale con cefalea nasce come una tensione dolorosa nella zona del collo, che si irradia alla testa e, sfocia in emicrania o cefalea.
Può essere molto stressante nella vita di tutti i giorni per le persone colpite.
La tensione muscolare colpisce anche i muscoli delle spalle e del torace, e a volte il dolore si irradia anche alle braccia. La terapia manuale definisce questi “nodi” miogelosi, o più comunemente Trigger Point. La parola inglese trigger può essere tradotta con l’italiano “innesco” o “grilletto”; è cioè qualcosa che fa scatenare un evento.
Esattamente come il grilletto che, se premuto, fa esplodere il colpo di pistola, un punto trigger, se premuto, provoca una sensazione di dolore profondo.
Le fibre elastiche che compongono i vari muscoli possono subire delle lesioni a seguito di un evento esterno (si parla di contusione quando le fibre si danneggiano perché qualcosa le colpisce o se ci cadiamo sopra); oppure venire sollecitate in maniera impropria e ripetutamente (nel mantenere posture viziate, ad esempio; in questo caso l’aumento di tono di queste porzioni di fibre, aiuta a creare un nuovo punto di leva, non fisiologico, più adatto a rispondere alle nuove esigenze di del corpo).
Il trigger point è la conseguenza di questi traumi.
Le conseguenze della cosiddetta miogelosi localizzata (regioni indurite e tese) sono movimenti limitati, vertigini, mal di testa e attacchi di emicrania.
Le cause della sindrome cervicale con cefalea non sono state sufficientemente chiarite, ma fattori influenzanti come l’obesità, il diabete, la depressione, il lavoro fisico o lo stress sembrano avere un ruolo nel suo sviluppo.
Principalmente sono colpiti gli adulti di tutte le età, ma la malattia è molto comune, e le donne sono colpite più spesso degli uomini. La terapia fisica, i cambiamenti dello stile di vita e occasionalmente i farmaci possono aiutare ad alleviare i sintomi della sindrome del rachide cervicale con cefalea.

Incidenza della sindrome cervicale con cefalea

La sindrome cervicale, nota anche come cefalea cervicogenica derivante dalla sindrome del rachide cervicale, è una condizione che si manifesta con frequenza a causa di una compromissione del sistema muscolo-scheletrico.
Si tratta di un disturbo molto diffuso che colpisce prevalentemente gli adulti di entrambi i sessi, ma con una prevalenza maggiore nelle donne.

La cefalea cervicogenica, quando non ha una causa chiara, viene diagnosticata più spesso nelle donne rispetto agli uomini.
Tuttavia, le cifre variano considerevolmente tra i diversi paesi nel mondo, poiché la percezione del dolore può differire.
Purtroppo, è comune che i pazienti ritardino l’accesso alle cure mediche o fisioterapiche per questa condizione, con conseguenze negative per la loro salute.

Cause di un sistema muscolo-scheletrico

Il dolore al collo che provoca cefalea è raramente dovuto a una grave condizione medica (meno dell’1%). Il medico di solito non riesce a trovare una chiara causa per la tensione e il dolore, ne tantomeno per il mal di testa.
Poiché i sintomi neurologici come formicolio alle braccia o visione offuscata possono anche indicare altre malattie (ad esempio la sclerosi multipla), è importante una visita medica specialistica.
Vari fattori che influenzano possono promuovere l’insorgenza della sindrome cervicale con cefalea:

  • sovrappeso (obesità),
  • gravidanza,
  • lavoro fisico (principalmente operai edili e infermieri)
  • stress cronico,
  • depressione e ansia,
  • sintomi della sindrome cervicale.

La sindrome cervicale con cefalea non è la stessa per tutti i soggetti colpiti. I seguenti sintomi possono manifestarsi singolarmente o insieme:

  • dolore al collo,
  • emicrania e/o mal di testa,
  • dolore alle braccia,
  • indurimento muscolare (miogelosi),
  • vertigini,
  • formicolio o intorpidimento alle braccia e alle mani,
  • ronzio nelle orecchie,
  • disturbi visivi (frequentemente fotofobia).

Decorso di una sindrome cervicale con cefalea

Il dolore cronico al collo con cefalea può influire negativamente sulla qualità della vita delle persone colpite.
Le persone particolarmente ansiose che sono inclini alla depressione sono psico socialmente gravate dalla sindrome cervicale con cefalea.
Ciò significa che il dolore e i sintomi che ne derivano sono molto fastidiosi e svolgono un ruolo decisivo nella vita di tutti i giorni.
Possono verificarsi disturbi sul lavoro, ad esempio scarsa concentrazione o dolore costante quando si è seduti in ufficio per lungo tempo.

Diagnosi della sindrome cervicale con cefalea

Il medico può diagnosticare la sindrome cervicale con cefalea sulla base di un colloquio personale dettagliato e di un esame fisico.
Se si riscontrano problemi fisici rilavati con la diagnostica per immagini (ernia, protusione etc) al rachide cervicale, la prima visita da fare è una specialistica con un ortopedico specializzato in terapia del dolore, con un neurologo o con un neurochirurgo a secondo dei sintomi e della gravità.
Le indicazioni da parte del paziente importanti per il medico sono:

  • l’inizio del dolore, quando e dove si verifica esattamente,
  • sintomi che indicano altre malattie, come febbre, sudorazione notturna o perdita di peso indesiderata,
  • sintomi neurologici, come formicolio alle dita o perdita di forza nelle braccia,
  • la situazione psicologica (stress sul lavoro, conflitti familiari, ecc.),
  • la valutazione della persona interessata sulla causa del dolore e della tensione,

Durante l’esame fisico, il medico e/o il fisioterapista controllerà:

  • Postura ed eventuali modifiche esterne del rachide cervicale, delle spalle e dei muscoli del torace.
  • La temperatura della pelle e dei linfonodi circostanti.
  • Tremori e dolore da commozione cerebrale.
  • La mobilità dell’area interessata.
  • Sensibilità e riflessi (esame neurologico).

Se i sintomi neurologici non migliorano e sono vissuti in modo intenso (ad es. intorpidimento persistente delle braccia), l’ortopedico ordinerà una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica (MRI) per ulteriori accertamenti.

Terapia per la sindrome cervicale con cefalea

Prima che vengano avviate misure terapeutiche per una sindrome del rachide cervicale con cefalea esistente, il medico dovrebbe chiarire con il paziente esattamente cosa vuole dalla terapia e cosa può e vorrebbe contribuire ad essa. Il trattamento di una sindrome cervicale con cefalea ha molto più successo se la persona interessata è motivata e vuole occuparsi della questione consapevolmente. Molto spesso è necessario, o addirittura una conditio sine qua non, l’intervento di uno specialista in psicoterapia o psichiatria perché, ad esempio, altre malattie come la depressione rendono più difficile questo accesso alla guarigione.
Se c’è la volontà di sottoporsi alla terapia, possono essere prese in considerazione le seguenti misure:

  • Terapia non farmacologica.
  • Esercizio e sport, lo sport di resistenza e l’allenamento della forza, se eseguiti correttamente, possono migliorare i sintomi della sindrome del rachide cervicale con cefalea.
  • Calore, già solo una borsa dell’acqua calda avvolta in un panno e posta sulla nuca ha un effetto benefico, migliora la microcircolazione cutanea e allevia il dolore. Esistono forme più sofisticate (diatermia o ipertermia che effettuate dal fisioterapista, alleviano o tolgono il dolore cefalico e cervicale).
  • Fisioterapia e ginnastica correttiva, in caso di sindrome cervicale con cefalea, molto spesso vengono prescritte ginnastica correttiva individuale e posturale o alcune tipologie e metodi di fisioterapia. Gli esercizi imparati ed effettuati con posturologo o fisioterapista dovrebbero essere continuati costantemente a casa per raggiungere il successo.
  • Massaggio, il massaggio correttivo eseguito da un fisioterapista, oltre alla terapia fisica, può aiutare a sciogliere i muscoli tesi (miogelosi) e di conseguenza risolvere o alleviare la cefalea cervicogenica.
  • Agopuntura, le sessioni con un agopuntore possono aiutare nel processo di guarigione.

Gli antidolorifici trattano solo i sintomi della sindrome cervicale, ma non le cause. Se non del tutto, i farmaci dovrebbero essere assunti solo a basse dosi e per un breve periodo di tempo dopo aver consultato il medico. La terapia non farmacologica che utilizza la fisioterapia e la ginnastica correttiva si è dimostrata molto più sensata ed efficace.

Cosa può fare la persona colpita contro la cefalea cervicogenica?

Se il medico ha diagnosticato la sindrome cervicale, il paziente deve:

  • accettare la propria condizione fisica come data e affrontare la terapia con motivazione,
  • far spiegare al terapeuta tutte le possibili opzioni di trattamento e scegliere quella con cui si sente a proprio agio,
  • non prendere antidolorifici da solo: chiedere al medico quali farmaci sono adatti e necessari e in quale dosaggio,
  • fare sport, soprattutto di resistenza come ad esempio corsa facile, nuoto,
  • eseguire esercizi per la colonna vertebrale in toto, o yoga, pilates, L&B motion, etc.,
  • per esplorare eventuali problemi psicologici: parlare con uno psicoterapeuta può aiutare a superare la spirale del dolore, dell’ansia, della depressione e del dolore vissuto ancora più intensamente.

La cefalea cervicogenica: trattamento fisioterapico

In una esigua percentuale di persone e di problematiche, è utile raffreddare la parte con crioterapia, ma nella maggior parte dei casi è più utile (90%) il riscaldamento della parte con qualsiasi mezzo fisico o fisioterapico.
Il fisioterapista può utilizzare tutte le tecniche di rilassamento muscolare manuali o tramite l’ausilio di elettromedicali:

Inoltre importante dosare le fasi del recupero muscolare e del riallenamento muscolare, oltre a mantenere (in caso di sportivi) un buon tono muscolare per i muscoli non interessati e in generale un buon allenamento cardiorespiratorio.

Kinesiotaping di una sindrome cervicale con cefalea

La procedura di kinesiotaping è da considerarsi come supporto ad altri trattamenti e può aiutare ad alleviare i sintomi della cefalea cervicogenica.
Il trattamento non è stato scientificamente provato, ma mostra ottimi risultati in molti pazienti, soprattutto nelle zone cervicale e dorsale dove l’effetto percepito dal paziente è immediato. Lo scopo del kinesiotaping è quello di alleviare lo stress e la tensione ai muscoli, in questo caso i muscoli della zona cervicale e dorsale alta.
Se ci sono sintomi di una contrattura o tensione nella parte dorso-cervicale della schiena, di solito vengono attaccati 4 nastri. Due nastri uno a sinistra e uno a destra della colonna cervicale, partendo dalla 4a verterba dorsale fino ad arrivare all’attaccatura dei capelli sulla nuca, e altri due sulle linee cucullare dei trapezi fino sempre alla nuca, mentre il paziente assume una posizione curva in avanti con la cervicale in modo che i muscoli della schiena siano allungati al massimo sempre nel rispetto del dolore.
Se la zona interessata è puntiforme, i nastri sono spesso fissati a forma di stella (quattro strisce di nastro). In questo caso, il dolore massimo è nel mezzo della formazione stellare.

sixtus_criosix-eng0278-img_3

CrioSix

Crioterapia Combinata ultrasuoni terapeutici
sixtus_biomedical-eem0600-img_1

BIOMEDICAL

608,78  578,45 
Dispositivo per magnetoterapia
promo
Sixtus_Stimsix_2-EEM0400-img_1

Stimsix 2

Elettrostimolatore professionale a due canali

Potrebbe interessarti anche

LORDOSI
Gli infortuni e la guarigione

Lordosi lombare e cervicale: una guida completa

Lordosi e cifosi  La colonna vertebrale sostiene il corpo in posizione eretta e collega la testa, il torace, il bacino, le spalle, le braccia e le gambe. Non è un filo diritto, ma ha quattro leggere curvature fisiologiche che si delinenano in una visione da una sui lati, e che gli conferiscono una forma a […] leggi
SCOLIOSI
Gli infortuni e la guarigione

Scoliosi vertebrale: cos'è, sintomi e trattamento

Scoliosi: cos’è? La scoliosi è una deformazione tridimensionale della colonna vertebrale. Porta ad una cattiva postura più o meno evidente. Nella scoliosi, la colonna vertebrale ruota lateralmente (rotazione) per cui gli esperti parlano di una deviazione assiale sui piani frontale e sagittale. Inoltre, i corpi vertebrali sono deformati. I corpi vertebrali si girano lateralmente e […] leggi
condropatia
Gli infortuni e la guarigione

Condropatia rotulea: cause, tempi di guarigione ed esercizi

La condropatia rotulea è una delle patologie più comuni della rotula, che colpisce tutti ed in particolar modo i bambini e le giovani donne. Si tratta di una sindrome dolorosa (condropatia rotulea) o di un danno cartilagineo (condromalacia rotulea) della rotula. Condropatia rotulea: Infortunio o malattia Questa malattia spesso deriva da uno scarso equilibrio muscolare, […] leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics2024 Get 20% off
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      tdr5 Get 5% off
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari