Gli infortuni e la guarigione

Ernia del disco lombare: come intervenire con la fisioterapia?

Ernia al disco e fisioterapia
1 Cause e sintomi dell'ernia al disco lombare
  • 1 Cause e sintomi dell'ernia al disco lombare
  • 2 Fisioterapia ed esercizi
  • 3 Cosa fare per contrastare l'ernia del disco lombare?

Ernia del disco lombare come si manifesta?

Un dolore improvviso e lancinante alla schiena, e/o alle gambe, con a volte la presenza anche di formicolio, intorpidimento o sensazione di debolezza: questi sono i classici sintomi di un’ernia del disco. Il dolore è spesso così intenso che solitamente chi ne è colpito cerca di non muoversi o muoversi il meno possibile.
Il disco intervertebrale è un ammortizzatore elastico tra i corpi vertebrali, costituito da un anello fibroso e da un nucleo gelatinoso (una specie di cuscino d’acqua). Il disco intervertebrale non solo si adatta ai movimenti del corpo, ma ne è addirittura dipendente, perché viene nutrito solo con i minerali e il liquido necessari dalle forze di trazione e compressione.

Epidemiologia ed eziologia dell’ernia del disco lombare

Gli uomini hanno il doppio delle probabilità di soffrire di ernia del disco rispetto alle donne, e i più colpiti sono giovani tra i 30 ei 50 anni.
In nove casi su dieci c’è un’ernia del disco nella colonna lombare, mentre il rachide cervicale è colpito meno frequentemente e il rachide toracico molto raramente.
A volte le persone colpite non hanno alcun dolore e scoprono l’ernia del disco solo per caso.
Queste sono le principali cause di un’ernia del disco:

  • sovraccaricare ripetutamente l’anello fibroso porta al consumo dei dischi intervertebrali.
  • Mantenere determinate posizioni troppo a lungo e in modo sfavorevole. Esempi classici sono lungo tempo e goffe posture seduti difronte al PC, oppure il giardinaggio in una postura curva.
  • Sollevare e trasportare pesi con una postura scorretta può anche sovraccaricare l’anello fibroso, poiché la pressione su di esso può aumentare fino a otto volte il peso corporeo.
  • Di solito è una combinazione di vari sovraccarichi che alla fine causano la rottura dell’anello fibroso.

Se si sviluppano crepe nell’anello fibroso, si verifica una cosiddetta sporgenza, che è una fase preliminare di un’ernia del disco, in cui il disco sporge oltre il bordo della colonna vertebrale, ed è qui che entra in gioco la fisioterapia. Con l’aiuto di esercizi mirati che, tra l’altro, stabilizzano la schiena, il tessuto può essere alleviato dal sovraccarico e, a volte, spostato indietro, cosicchè i sintomi scompaiono.
Tuttavia, se tutti gli strati dell’anello fibroso si strappano, il nucleo gelatinoso penetra in direzione del nervo del midollo spinale e questo è chiamato prolasso. A questo punto l’ernia del disco può assumere due forme:

  • se il prolasso sporge dal centro verso la parte posteriore, tutti i nervi spinali sono schiacciati. Nella colonna lombare, questo può significare che improvvisamente non puoi più controllare correttamente il passaggio delle feci o dell’urina. È anche possibile che si abbia improvvisamente minore o nessuna sensazione all’interno delle cosce e nell’area genitale. Anche la paralisi o i muscoli indeboliti possono essere il risultato. In questo caso, un’operazione deve essere eseguita immediatamente.
  • Nella stragrande maggioranza dei casi, però, il prolasso non sporge al centro, ma lateralmente oltre il bordo della vertebra. Al massimo, un singolo nervo spinale è irritato. Anche qui si verificano intorpidimento e indebolimento dei muscoli. Il più delle volte, il paziente assume inconsciamente una postura di sollievo per alleviare meccanicamente il nervo spinale.

Ernia del disco lombare: come aiuta la fisioterapia

Un’operazione viene programmata solo se i muscoli cedono, in caso di una paralisi, oppure anche se il dolore intenso persiste per diverse settimane. In otto casi su dieci, tuttavia, non è necessario alcun intervento chirurgico. Con la fisioterapia, i sintomi possono essere alleviati a lungo termine.
Nella fase acuta, quando il dolore è fresco e molto intenso, terapeuta e paziente devono trovare posizioni o tecniche che allevino il dolore. A volte è utile mettere un panno o un asciugamano arrotolato sotto la schiena nel posto giusto per scaricare la colonna vertebrale.
Massaggi delicati e soprattutto dolci e lenti movimenti attivi (ad es. inclinazione del bacino avanti e indietro in posizione laterale o seduta) e passivi (ad es. leggera pressione sulla colonna vertebrale attraverso la terapia manuale) della schiena nella zona indolore hanno un effetto di supporto. Ciò aumenta il metabolismo nella zona interessata, che rimuove le sostanze infiammatorie e fornisce nutrienti freschi. Nella fase acuta, il terapista e paziente imparano cosa fare e cosa non fare, e successivamente il terapista insegna al paziente qual è il “SUO” modo corretto di caricare e scaricare la schiena, poichè ogni problema discale è individuale.
Una protezione completa della schiena non è quasi mai appropriata, ma dovrebbero essere evitati a tutti i carichi di pressione elevati sui dischi intervertebrali.
Una volta messo sotto controllo il dolore estremo, bisogna analizzare se e quali muscoli sono deboli o particolarmente tesi. Se un muscolo ha troppa tensione e l’altro troppo poco, questo porta a uno squilibrio muscolare. Ciò significa che i muscoli non possono stabilizzare la schiena in tutte le situazioni e le singole articolazioni vertebrali non possono più funzionare in modo ottimale. Il terapista rilassa quindi i muscoli, utilizza la terapia manuale per rendere nuovamente flessibili le articolazioni vertebrali e rafforza i muscoli indeboliti attraverso una terapia attiva. Il paziente dovrebbe imparare a sentire quando e in quali parti irrigidirsi e/o rilassarsi.
Per prevenire le ricadute, i muscoli stabilizzatori, i muscoli di movimento del tronco e dell’addome devono essere rinforzati al punto e al momento giusto. Questo tiene conto degli stress e delle tensioni a cui il paziente è esposto nella vita di tutti i giorni. In questo modo, situazioni potenzialmente pericolose, come il sollevamento di pesi pesanti, possono essere addestrate in modo specifico.
Un’ernia del disco è una cosiddetta lesione strutturale, dopo la quale la ferita guarisce come al solito. In termini concreti, ciò significa che può essere necessario far passare fino a un anno prima che l’ernia del disco guarisca definitivamente. Tuttavia, il processo di guarigione dipende da vari fattori e differisce da persona a persona.

Prevenzione e supporto comportamentale per l'ernia del disco lombare

Chiunque sia esposto a fattori di rischio come il lavoro sedentario o fisicamente impegnativo o sia geneticamente predisposto dovrebbe adottare misure preventive (preventive) per contrastare le cause dell’ernia del disco. Fondamentalmente, vale quanto segue: schiena solida, muscoli addominali forti, carichi e movimenti equilibrati sono i modi migliori per prevenire un’ernia del disco.
Rafforzare i muscoli attraverso esercizi mirati, rafforzare la schiena e l’addome e stabilizzare la colonna vertebrale sono i punti centrali per prevenire, ridurre o eliminare il dolore.
Oltre agli esercizi quotidiani e consapevoli, è opportuno rafforzare la schiena, anche attraverso sequenze di movimenti come salire le scale, correre e uno stile di vita generalmente attivo. Così come il rilassamento e la meditazione aiutano anche a prevenire l’ernia del disco.
Con sei di questi suggerimenti comportamentali è possibile prevenire i problemi alla schiena e alleviarli ai primi sintomi (es. protrusione del disco):

  • Praticare esercizio fisico regolare, anche per i pazienti inattivi sarebbe necessario cercare un’attività che piaccia. Basta fare una passeggiata regolare di 30 minuti per migliorare sensibilmente l’equilibrio muscolare e prevenire i problemi alla schiena. Ancora meglio: fare sport regolarmente, in particolare gli sport amichevoli per la schiena come il nuoto a dorso, la camminata, il ciclismo o lo sci di fondo sono adatti o gli allenamenti alla arti marziali. È importante scoprire da soli cosa piace e cosa fa bene, per continuare l’attività nel lungo periodo.
  • Intervallare l’attività sedentaria, creare un equilibrio nel lavoro quotidiano, con interruzioni costanti nella postura seduta. Per esempio. camminando verso la fotocopiatrice o scegliendo lavori specifici che permettano di lavorare stando in piedi. Dividere la propria attività lavorativa nel modo più uniforme possibile tra seduta dinamica, posizione eretta e camminata mirata. Ottimizzare il posto di lavoro il più possibile regolando individualmente la sedia da ufficio, la scrivania e lo schermo.
  • Compensare il carico unilaterale e gli errori di postura, creare un equilibrio per la schiena compensando le attività fisiche e/o lavorative unilaterali. Yoga, ginnastica posturale, nuoto, acquagym, pilates, karate o simili sono ottimi sport per prevenire e curare i problemi alla schiena, scegliando quello che più piace.
  • La schiena può essere alleviata regolarmente durante la fase di stress, a esempio piegandosi delicatamente in avanti, girando intorno al bacino, spostando il peso o piegando leggermente le ginocchia.
  • Eseguire un corretto sollevamento e trasporto, evitare di trasportare oggetti pesanti su lunghe distanze senza aiuto o attrezzature ed assicurarsi che la propria postura sia delicata sulla schiena. L’uso mirato dell’attività muscolare addominale supporta la stabilità della colonna vertebrale.
  • Evitare lo stress, assicurarsi di avere una buona gestione del tempo quando si tratta di lavoro, famiglia e tempo libero, magari dedicandosi a piccoli momenti come la sauna, la meditazione, la musica o il canto.
  • Contrastare sovrappeso, essere in sovrappeso mette a dura prova le articolazioni e la colonna vertebrale. Una dieta sana e l’esercizio fisico sono reciprocamente vantaggiosi e contrastano l’obesità. Non si tratta di una dieta pesante, si tratta di buone abitudini alimentari. Consumare pasti regolari, bere abbastanza liquidi (soprattutto acqua), mangiare molta frutta e verdura, evitare i dolci e mangiare lentamente sono i primi passi verso una dieta sana.

Potrebbe interessarti anche

LORDOSI
Gli infortuni e la guarigione

Lordosi lombare e cervicale: una guida completa

Lordosi e cifosi  La colonna vertebrale sostiene il corpo in posizione eretta e collega la testa, il torace, il bacino, le spalle, le braccia e le gambe. Non è un filo diritto, ma ha quattro leggere curvature fisiologiche che si delinenano in una visione da una sui lati, e che gli conferiscono una forma a […] leggi
SCOLIOSI
Gli infortuni e la guarigione

Scoliosi vertebrale: cos'è, sintomi e trattamento

Scoliosi: cos’è? La scoliosi è una deformazione tridimensionale della colonna vertebrale. Porta ad una cattiva postura più o meno evidente. Nella scoliosi, la colonna vertebrale ruota lateralmente (rotazione) per cui gli esperti parlano di una deviazione assiale sui piani frontale e sagittale. Inoltre, i corpi vertebrali sono deformati. I corpi vertebrali si girano lateralmente e […] leggi
condropatia
Gli infortuni e la guarigione

Condropatia rotulea: cause, tempi di guarigione ed esercizi

La condropatia rotulea è una delle patologie più comuni della rotula, che colpisce tutti ed in particolar modo i bambini e le giovani donne. Si tratta di una sindrome dolorosa (condropatia rotulea) o di un danno cartilagineo (condromalacia rotulea) della rotula. Condropatia rotulea: Infortunio o malattia Questa malattia spesso deriva da uno scarso equilibrio muscolare, […] leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      tdr5 Get 5% off
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari