Gli infortuni e la guarigione

Lordosi lombare e cervicale: una guida completa

LORDOSI

Lordosi e cifosi 

La colonna vertebrale sostiene il corpo in posizione eretta e collega la testa, il torace, il bacino, le spalle, le braccia e le gambe. Non è un filo diritto, ma ha quattro leggere curvature fisiologiche che si delinenano in una visione da una sui lati, e che gli conferiscono una forma a S. La sua struttura, ad esempio con dischi intervertebrali e legamenti elastici, fa sì che reagisca in modo flessibile agli urti e ai carichi e li attutisca bene. Nella zona del collo e della zona lombare è curvato in avanti (lordosi), nella zona toracica e sacrale è curvato all'indietro (cifosi). Queste forme di curvatura corrispondono in una certa misura alla normale anatomia della colonna vertebrale.

Cos'è la lordosi?

La lordosi è la curvatura naturale della colonna vertebrale nella zona cervicale e lombare. Se la colonna vertebrale si curva eccessivamente in avanti nella regione lombare, si verifica una schiena incavata (iperlordosi). La colonna vertebrale si inarca maggiormente verso lo stomaco e il bacino è inclinato. L'iperlordosi è più comune nella regione lombare ma è talvolta presente anche in quella cervicale. Se le normali curvature nella zona lombare sono poco accennate, diventa visibile una riduzione della lordosi lombare (ipolordosi) comunemente “schiena piatta”. Stessa cosa può succedere anche alla zona della colonna cervicale ed è più probabile della iperlordosi a questo livello e si parla di rettilineizzazione del rachide cervicale. La rettilineizzazione del rachide cervicale (o diminuzione della fisiologica lordosi cervicale), è una particolare condizione patologica (anche in assenza di dolore) in cui la normale curva cervicale chiamata lordosi, perde la sua funzione e tende a raddrizzarsi fino addirittura ad invertirsi.

Cos'è la cifosi?

La cifosi è la naturale curvatura all'indietro della colonna vertebrale nella zona della colonna vertebrale toracica. Se la colonna vertebrale si curva eccessivamente all'indietro nella zona del torace, si manifesta il tipico aspetto della schiena arrotondata (“gobbo” o ipercifosi). La curvatura della colonna vertebrale toracica tende a peggiorare con l'età. Se le normali curvature nella zona del torace sono troppo deboli, diventa visibile una schiena piatta (ipocifosi).

Iperlordosi: cause

Le cause della iperlordosi sono molteplici: 
  • malformazioni congenite,
  • debolezze muscolari dei muscoli stabilizzatori della schiena,
  • malattia di Scheuermann (formazione di vertebre a cuneo con dischi intervertebrali ristretti),
  • spondilite anchilosante,
  • artrite reumatoide e soprattuto l'artrite reumatoide giovanile,
  • fratture vertebrali osteoporotiche,
  • infortuni,
  • infezioni,
  • tumori

Iperlordosi: sintomi che possono verificarsi

Le curvature sul piano laterale della colonna vertebrale sono sempre deviazioni dalla normale struttura della colonna vertebrale. Se entrambe le forme a S (lordosi e cifosi) della colonna vertebrale si discostano dalle dimensioni normali, cioè se sono curvate troppo fortemente o troppo debolmente, possono verificarsi diversi problemi fisici in aggiunta ai sintomi ed alle problematiche della patologia che li ha provocati. Nel caso di di un eccesso delle convessità anteriori della colonna ovvero iperlordosi lombare e cervicale, questi includono, tra gli altri:
  • dolore al collo, fianchi, schiena, torace e/o mal di testa,
  • dolore locale e rigidità,
  • respirazione limitata nonché problemi di deglutizione,
  • funzionalità fisica limitata,
  • aumento delle fratture ossee,
  • limitazioni nelle attività quotidiane come alzarsi da una sedia, vestirsi, fare il bagno, ecc.

Iperlordosi: come prevenire

L’esercizio fisico regolare non solo migliora la forma fisica generale, ma può anche prevenire una cattiva postura. A questo scopo sono adatti i più svariati movimenti quotidiani, come salire le scale o camminare. Gli sport per rafforzare i muscoli della schiena includono il nuoto, la corsa o la camminata nordica. Un regolare allenamento di rafforzamento della muscolatura della schiena e dell'addome migliora la postura e allevia a lungo termine la tensione sulla colonna vertebrale. Anche lo stretching aiuta a prevenirlo. Quando si svolgono attività sedentarie è necessario prestare attenzione a mantenere la corretta postura seduta. In questo caso è particolarmente importante l'altezza adatta individualmente della scrivania e dello schermo. La seduta ergonomica supporta la corretta postura di seduta. I professionisti della medicina del lavoro forniscono consulenza durante la creazione di un posto di lavoro. La seduta dinamica (dondolarsi avanti e indietro) impedisce di rimanere in posizioni rigide e quindi previene una cattiva postura. Di fondamentale importanza sono anche il riconoscimento tempestivo di una deformità della colonna vertebrale e l’inizio precoce della terapia. I genitori possono prevenire questo fenomeno osservando regolarmente la postura dei propri figli e consultando un medico in caso di anomalie.

Iperlordosi: come viene fatta la diagnosi?

In primo luogo, il medico spiega in una discussione dettagliata (anamnesi) quali sintomi esistono e quando si verificano. Il medico esaminerà quindi fisicamente il paziente e, in particolare, osserverà la sua postura. Per confermare la diagnosi, di solito viene eseguita una radiografia della colonna vertebrale. La parte superiore del corpo e il bacino vengono ripresi in piedi sia di fronte che di lato. Utilizzando le radiografie il medico può misurare l’angolo di curvatura della colonna vertebrale (misurazione dell’“angolo di Cobb”). Possono essere eseguiti anche i seguenti esami per escludere altre malattie:
  • Scansione MRI,
  • Misurazione della densità ossea
  • TAC

Iperlordosi: cura ed esercizi

Se le due curve lordotiche della colonna vertebrale si discostano dalle dimensioni normali, cioè se sono curvate troppo, possono verificarsi problemi fisici. Esistono diverse opzioni di trattamento per  la schiena cava (iperlordosi). L'obiettivo è rafforzare i muscoli della parete addominale e della schiena mantenendo sempre un giusto allungamento muscolare. A seconda dell'entità e della causa del disallineamento, la terapia consiste in diverse misure. Le malattie che ne sono la causa, come l’osteoporosi, devono essere trattate in modo primario.

Allenamento muscolare correttivo mediante fisioterapia

Di fondamentale importanza è il rafforzamento dei muscoli centrali, ovvero schiena e addominali per la parte lombare e muscoli della colonna, del collo e spalle per la zona cervicale. Questi esercizi si imparano in fisioterapia. L'obiettivo è migliorare la postura, la flessibilità e rafforzare i muscoli della stabilizzatori e di movimento delle due zone della schiena. Tuttavia, tali esercizi di rafforzamento devono essere eseguiti con costanza, preferibilmente ogni giorno, e non solo in durante le sedute di fisioterapia

Altre opzioni terapeutiche

  • Taping per migliorare la postura: di solito viene eseguito da un fisioterapista.
  • Terapia manuale:
    • mobilizzazione fisioterapica,
    • osteopatia,
    • chiropratica,
    • massaggi, etc.
  • Terapie farmacologiche.
  • Adattamento del luogo di lavoro (con l'aiuto di un professionista della medicina del lavoro)

Iperlordosi: a chi rivolgersi

Se si notano problemi alla colonna vertebrale o alla postura per chiarimenti è meglio rivolgersi ai seguenti specialisti:
  1. Medico di medicina generale o pediatra,
  2. Specialista in ortopedia,
  3. Specialista in medicina fisica e riabilitazione generale, fisiatra.
  4. Fisioterapista.

Iperlordosi: quando occore il chirurgo

L'indicazione per la chirurgia è fatta individualmente. Esistono diversi approcci terapeutici a seconda dell'età del paziente, dell'entità e del tipo di curvatura. Se sono presenti disturbi del profilo molto gravi e il successo insufficiente dei metodi terapeutici conservativi e non chirurgici, si può prendere in considerazione la correzione chirurgica della colonna vertebrale. A questo scopo sono disponibili varie tecniche, a seconda della posizione e della gravità. I  casi per cui occore rivolgersi al chirurgo sono dovuti alle complicanze di iperlordosi protrattesi nel tempo e sono principalmente due: A seconda della tecnica chirurgica, potrebbe essere necessario indossare un corsetto per una maggiore stabilità. La mobilizzazione dopo l'operazione deve essere eseguita in modo assiale da un fisioterapista.

Iperlordosi: trattamento fisioterapico

Dopo aver valutato quali muscoli sono troppo deboli, troppo corti o troppo in tensione, si può iniziare il trattamento.
  • I muscoli troppo deboli devono essere ricostruiti con un adeguato allenamento di forza/resistenza.
  • I muscoli accorciati possono essere ripristinati combinando l'allenamento della fascia e gli esercizi di stretching.
  • L'allenamento della coordinazione, di propiocezione e le tecniche di rilassamento mirate sono efficaci per interrompere il ciclo dello squilibrio posturale
Per una terapia di successo, è importante trattare la causa o il fattore scatenante dello squilibrio per evitare che i sintomi si ripresentino. Se lo stare seduti a lungo viene valutato come la causa dello squilibrio muscolare, che di solito è difficile da evitare per motivi legati al lavoro, può avere senso, ad esempio, cambiare la posizione di lavoro a intervalli regolari. In generale, in caso di squilibri muscolari, è consigliabile essere attivi e variati nella vita di tutti i giorni per prevenire una postura scorretta o curarne le conseguenze. A seconda dei sintomi, il terapista curante mette insieme un programma di esercizi individuali che dovrebbero essere eseguiti ogni giorno per circa 15-20 minuti. Durante i primi approccio ed interventi, il trattamento (sia esso fisioterapico o cinestesico) verte al rilassamento dei blocchi funzionali attraverso le varie tecniche di terapia manuale quali:
  • tecniche manuali,
  • massoterapia,
  • tecniche osteopatiche o chiropratiche,
  • tecniche di facilitazione neuromuscolari propiocettive (P. N. F.),
  • ginnastica posturale,
  • metodologia Mezieres,
  • Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.).
I muscoli contratti e tesi vengono allungati attraverso esercizi per la mobilizzazione passiva, attiva o per l'automobilizzazione. Per allenare i muscoli indeboliti e migliorare la coordinazione muscolare, viene sviluppato e praticato insieme al fisioterapista un programma di allenamento individuale. Lo sforzo fisico per il paziente è di circa 20 minuti al giorno. Dopo la prima fase di apprendimento motorio, gli esercizi possono essere svolti a casa senza grandi attrezzi. Successivamente per il miglioramento ulteriore dell'aspetto atletico e il mantenimento posturale del corpo, esistono ad oggi svariate tecniche da effettuare sigolarmente o in gruppo. Di seguito alcuni esempi: In generale, il movimento (dinamico) è migliore della posizione seduta (statica). Ciò significa che rendere la nostra vita quotidiana più attiva è una delle misure più importanti contro la postura scorretta e gli squilibri muscolari.  

Potrebbe interessarti anche

SCOLIOSI
Gli infortuni e la guarigione

Scoliosi vertebrale: cos'è, sintomi e trattamento

Scoliosi: cos’è? La scoliosi è una deformazione tridimensionale della colonna vertebrale. Porta ad una cattiva postura più o meno evidente. Nella scoliosi, la colonna vertebrale ruota lateralmente (rotazione) per cui gli esperti parlano di una deviazione assiale sui piani frontale e sagittale. Inoltre, i corpi vertebrali sono deformati. I corpi vertebrali si girano lateralmente e […] leggi
condropatia
Gli infortuni e la guarigione

Condropatia rotulea: cause, tempi di guarigione ed esercizi

La condropatia rotulea è una delle patologie più comuni della rotula, che colpisce tutti ed in particolar modo i bambini e le giovani donne. Si tratta di una sindrome dolorosa (condropatia rotulea) o di un danno cartilagineo (condromalacia rotulea) della rotula. Condropatia rotulea: Infortunio o malattia Questa malattia spesso deriva da uno scarso equilibrio muscolare, […] leggi
dolore costola
Gli infortuni e la guarigione

Costola incrinata: sintomi e rimedi

Una costa incrinata di solito si verifica dopo un trauma sul torace, solitamente innescato da una caduta, un colpo o un infortunio durante lo sport. La prima differenziazione va fatta tra costa incrinata e fratturata: costa fratturata quando sussiste una soluzione di continuità ossea spesso con una posizione innaturale della costa stessa; costa incrinata a […] leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      tdr5 Get 5% off
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari