Gli infortuni e la guarigione

Tutori: caratteristiche e tipologie

tutore (1)
1 Introduzione
  • 1 Introduzione
  • 2 Tipologie
  • 3 Tutto ciò che c'è da sapere
  • 4 Un tutore per ogni necessità
  • 5 Un tutore per ogni necessità
  • 6 Un tutore per ogni necessità
  • 7 Un tutore per ogni necessità
  • 8 A cosa fare attenzione

Cos'è un tutore?

Un tutore è un ausilio medico: “un dispositivo esterno progettato per influenzare le proprietà strutturali e funzionali del sistema neuromuscolare e scheletrico”.
I tutori e le ortesi stabilizzanti rappresentano dispositivi ortopedici utilizzati per affrontare problemi articolari e disfunzioni su aree più estese del corpo.

Sono concepiti per alleviare il dolore derivante da sovraccarichi, lesioni, interventi chirurgici o dall’invecchiamento. Questi dispositivi possono essere adoperati a breve o lungo termine e contribuiscono al recupero o al mantenimento della mobilità.

Classificazione dei tutori

Per esplorare più a fondo il vasto mondo dei tutori, possiamo iniziare dicendo che questi dispositivi sono categorizzati in classi relative a quattro specifiche regioni corporee, seguendo il Sistema di Classificazione Internazionale.

  • tutori per gli arti inferiori (inglese: Class of lower limb orthoses),
  • tutori per gli arti superiori (inglese: Class of upper limb orthoses),
  • tutori per il tronco (inglese: Class of spinal orthoses)
  • tutori per la testa.

Nelle rispettive classi i tutori sono raggruppati in base alla loro funzione. Esistono tutori per paralisi, tutori per scarico e/o riduzione del dolore, bendaggi. Un’altra classificazione dei tutori si basa invece sulla patologia per la quale sono predisposti:

  • tutori per paralisi,
  • tutori per ictus,
  • tutori per malattie del sistema nervoso periferico,
  • tutori per scarico articolare (o di forza-peso),
  • bendaggi funzionali.

La differenza sostanziale tra tutore e ortesi sta nel fatto che i tutori sono più flessibili e consentono di norma una maggiore libertà di movimento. Sono costituiti da un tessuto elastico compressivo che si adatta all’anatomia del corpo, senza però limitarne la mobilità.
Possono così svolgere al meglio la loro funzione stabilizzante, migliorando la propriocezione del corpo e attivando la muscolatura circostante. Al contrario le ortesi sono definite più stabilizzanti.
Il nome dei tutori comprende le articolazioni anatomiche e le parti del corpo su cui si estende.
Per esempio, un tutore ginocchio-caviglia-piede (abbreviazione inglese: KAFO, per ortesi ginocchio-caviglia-piede) abbraccia l’articolazione del ginocchio, la caviglia e il piede. Un tutore del tronco (abbreviazione inglese: TLSO, per ortesi toraco-lombo-sacrale) interessa la colonna vertebrale toracica, la colonna lombare e l’osso sacro.
La variazione, il passaggio o la combinazione da un tutore a un ortesi o a una protesi può essere frequente e importante. Un esempio di ciò, è la compensazione della differenza nella lunghezza delle gambe, che equivale a sostituire una parte mancante di un arto. Un altro esempio è la sostituzione dell’avampiede dopo un’amputazione dello stesso. Questo ausilio è spesso costituito dalla combinazione di una protesi per sostituire l’avampiede e di un tutore per sostituire la funzione muscolare perduta.

Regolazione e produzione dei tutori

I tutori sono disponibili in diverse modalità: su misura, semilavorati o già finiti.
La personalizzazione su misura rappresenta l’avanguardia per garantire un’assistenza ottimale. Quando la diagnosi del paziente è più precisa e il quadro clinico rivela una combinazione di diverse deviazioni funzionali nel sistema neuromuscolare e scheletrico, ogni deviazione individuale può variare in gravità. La combinazione di queste deviazioni funzionali e delle loro manifestazioni porta a un’indicazione dettagliata. Un grande vantaggio dei prodotti su misura è la capacità di adattare le diverse funzioni dei tutori in modo ottimale alle deviazioni funzionali identificate durante la configurazione del tutore stesso. Inoltre, l’adattamento dei tutori si conforma in modo ottimale alla forma corporea individuale del paziente.
I prodotti semilavorati vengono utilizzati per il trattamento rapido di malattie frequenti. Sono prodotti industrialmente e in alcuni casi possono essere parzialmente adattati alla forma anatomica del corpo. I prodotti su misura e i semilavorati vengono utilizzati nell’assistenza a lungo termine e vengono fabbricati o adattati da meccanici qualificati in tecnologia ortopedica nell’officina ortopedica di un negozio di forniture mediche su prescrizione medica.
Il medico definisce le deviazioni funzionali nella sua prescrizione, ad esempio per paralisi (paresi) dei muscoli del polpaccio (muscolo gastrocnemio) e ne deriva l’indicazione di un tutore per ripristinare la sicurezza quando si sta in piedi e si cammina dopo un ictus. Il tecnico ortopedico crea un’altra diagnosi dettagliata e la confronta con la prescrizione del medico. Idealmente le funzioni del tutore necessarie e gli elementi funzionali da integrare vengono discussi in un team interdisciplinare tra medico, fisioterapista, tecnico ortopedico e paziente.
I prodotti finiti sono tutori o bende a breve termine per una durata terapeutica limitata. Di solito vengono prodotti industrialmente in varie dimensioni e vengono anche forniti o venduti attraverso negozi di forniture mediche dopo essere stati prescritti da un medico.

Tutori per gli arti inferiori

Alla categoria dei tutori per gli arti inferiori appartengono dispositivi dedicati al piede, all’articolazione della caviglia, alla parte inferiore della gamba, al ginocchio, alla coscia e all’articolazione dell’anca.
I tutori per paralisi sono impiegati in situazioni di paralisi completa con perdita totale della funzione muscolare o in caso di paralisi incompleta (paresi). La loro finalità è correggere o influenzare le limitazioni funzionali o sostituire le funzioni perse a causa della paralisi. Anche le differenze funzionali nella lunghezza delle gambe, causate dalla paralisi, possono essere compensate con l’utilizzo di tutori.
I tutori di scarico articolare del ginocchio, dotati di articolazioni a segmenti dentati, sono adoperati per la cura del paziente, ad esempio dopo una rottura del legamento crociato. Le tutori per lo scarico articolare trovano applicazione sia nella gestione di patologie degenerative che dopo lesioni articolari, includendo, ad esempio:

  • Lesioni ai legamenti e usura delle articolazioni.
  • Post-intervento come la sostituzione completa di un’articolazione o interventi sulla struttura articolare o altri interventi su strutture ossee, muscolari o interventi sui legamenti articolari.
  • I tutori vengono utilizzati anche per il fissaggio, per errori di forma o deformazioni, come ad esempio i plantari nelle scarpe, con funzione o meno di correzione dell’appoggio o di una eterometria degli arti inferiori

Senza intervento chirurgico, molti sport possono essere praticati solo attraverso la funzione di scarico e/o protezione di un tutore.

Tutori per gli arti superiori.

Alla categoria dei tutori per gli arti superiori appartengono tutti quelli che interessano la mano, il polso, l’avambraccio, l’articolazione del gomito, la parte superiore del braccio o la spalla.

Tutori per il tronco

Tutti i tutori che interessano la colonna vertebrale e il collo appartengono alla categoria dei tutori per il tronco. Viene fatta una distinzione tra tutori per il tronco passive e attive.
Nel caso di tutori passivi è più indicato definirli ortesi per il tronco e sono ad esempio i cosiddetti corsetti di supporto e scarico il cui scopo principale è fornire scarico, supporto e posizionamento, principalmente a pazienti con dolore e pazienti con colonna vertebrale instabile.
I tutori attivi per la schiena hanno lo scopo di correggere attivamente la statica errata della colonna vertebrale, a esempio per scoliosi, cifosi, morbo di Scheuermann, iperlordosi e osteoporosi.
Questo è più efficace per dirigere la crescita nei bambini e negli adolescenti. Ma anche gli adulti possono utilizzare tutori attivi per il tronco per migliorare la postura e alleviare il dolore causato da problemi alla colonna vertebrale. Sebbene i corsetti di sostegno passivo siano più comodi, possono indebolire i muscoli della schiena e quindi causare un certo grado di dipendenza.

Tutori per la testa

I tutori che riguardano esclusivamente la testa sono classificati come tutori per quest’ultima; quelli che coinvolgono la zona cervicale non rientrano in questa categoria.
Gli esempi di tutori per la testa comprendono, ad esempio, i caschi ortopedici.

Svantaggi e rischi dei tutori convenzionali rispetto ai tutori moderni

Uno svantaggio e un rischio dei tutori convenzionali è che spesso lo scopo è quello di immobilizzare le articolazioni, il che allo stesso tempo provoca un indebolimento dei muscoli attorno all’articolazione. Le funzioni ortesiche che utilizzano tutori con elementi funzionali dinamici presentano invece lo svantaggio di comportare uno sforzo aggiuntivo per il paziente, poiché possono essere più pesanti di quelli convenzionali. Tuttavia, i materiali moderni e le moderne tecniche di produzione possono quasi compensare questo svantaggio.
Ad esempio ci sono casi in cui plantari come i tutori per il piede cadente sono un ottimo modo per compensare la debolezza muscolare associata al piede cadente, ma non promuovono il recupero completo. Invece di riabilitare le vie nervose interessate, i tutori convenzionali di solito trattano solo i sintomi fisici esterni. I pazienti quindi non devono più usare il cervello per controllare alcune aree funzionali, come ad esempio i percorsi nervosi associati al sollevamento delle dita dei piedi. Nel lungo periodo, queste vie nervose inutilizzate diventano sempre più deboli. Ciò può portare al disuso appreso, in cui il cervello si rende conto che non ha più bisogno di svolgere una funzione e decide che mantenere tale capacità non è più necessario. Al contrario, i tutori moderni con elementi funzionali ben selezionati promuovono la plasticità del sistema neurologico.


Bendaggi

Le bende della gamma dei tutori sono le cosiddette bende di supporto che hanno lo scopo di proteggere le articolazioni dallo stress eccessivo. Nello sport, le bende vengono utilizzate per proteggere le ossa e le articolazioni. Sono costituiti principalmente da tessuti, alcuni dei quali incorporano elementi di supporto. Le funzioni di supporto sono minime rispetto alle ortesi di paralisi e di scarico. Alcuni tipi di bende e di bendaggi hanno anche effetti propriocettivi (kinesiotaping). Le bende vengono classificate anche in base alle regioni del corpo.

Potrebbe interessarti anche

LORDOSI
Gli infortuni e la guarigione

Lordosi lombare e cervicale: una guida completa

Lordosi e cifosi  La colonna vertebrale sostiene il corpo in posizione eretta e collega la testa, il torace, il bacino, le spalle, le braccia e le gambe. Non è un filo diritto, ma ha quattro leggere curvature fisiologiche che si delinenano in una visione da una sui lati, e che gli conferiscono una forma a […] leggi
SCOLIOSI
Gli infortuni e la guarigione

Scoliosi vertebrale: cos'è, sintomi e trattamento

Scoliosi: cos’è? La scoliosi è una deformazione tridimensionale della colonna vertebrale. Porta ad una cattiva postura più o meno evidente. Nella scoliosi, la colonna vertebrale ruota lateralmente (rotazione) per cui gli esperti parlano di una deviazione assiale sui piani frontale e sagittale. Inoltre, i corpi vertebrali sono deformati. I corpi vertebrali si girano lateralmente e […] leggi
condropatia
Gli infortuni e la guarigione

Condropatia rotulea: cause, tempi di guarigione ed esercizi

La condropatia rotulea è una delle patologie più comuni della rotula, che colpisce tutti ed in particolar modo i bambini e le giovani donne. Si tratta di una sindrome dolorosa (condropatia rotulea) o di un danno cartilagineo (condromalacia rotulea) della rotula. Condropatia rotulea: Infortunio o malattia Questa malattia spesso deriva da uno scarso equilibrio muscolare, […] leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics2024 Get 20% off
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      tdr5 Get 5% off
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari