Gli infortuni e la guarigione

Stiramento muscolare alla coscia: come riconoscerlo e cosa fare?

ginocchio
1 Come si diagnostica?
  • 1 Come si diagnostica?
  • 2 È possibile guarire?
  • 3 Capiamo nello specifico
  • 4 Come intervenire
  • 5 Trattamento e rimedi
  • 6 Prevenzione e accorgimenti

Diagnosi di stiramento muscolare della coscia posteriore

I muscoli nella parte posteriore delle cosce (bicipiti femorali) possono essere sottoposti a stress eccessivo durante qualsiasi tipo di corsa.
I muscoli posteriori della coscia estendono l’anca e flettono il ginocchio all’indietro.
Durante la corsa, c’è un coinvolgimento attivo dei muscoli nella fase di sollevamento della gamba, dal momento in cui il ginocchio è perpendicolare al terreno e in fase di allungamento, quando la coscia viene frenata durante la sua massima flessione.
In queste due fasi è possibile instaurare un meccanismo di lesione, poiché i muscoli posteriori della coscia si contraggono improvvisamente e violentemente, come può accadere più probabilmente durante gli sprint: ciò provoca un dolore improvviso nella parte posteriore della coscia. Un infortunio ai flessori del ginocchio può anche svilupparsi a lungo termine, solitamente causato da un allenamento di allungamento e flessibilità impropri.

I medici formulano la diagnosi in base ai sintomi del soggetto e ai risultati degli esami.
A volte è necessaria anche la risonanza magnetica (MRI).
Quando avviene uno stiramento dei flessori del ginocchio, il trattamento consiste in:

  • Immediatamente dopo l’infortunio sono necessari ghiaccio, riposo e opportuno indossare calze a compressione stretta e supporto per sostenere la parte.
  • Riabilitazione
  • Per alleviare il dolore vengono utilizzati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) o altri antidolorifici.

Appena si avverte il dolore, è essenziale procedere con attenzione nell’atto di allungare i muscoli posteriori della coscia. Una volta che il dolore si è completamente attenuato, è possibile iniziare gradualmente ad allungare sia i quadricipiti che i muscoli posteriori della coscia. È fondamentale che la persona interessata eviti di correre o saltare fino a quando non ha completamente recuperato la forza muscolare e la piena libertà di movimento.
La strada verso la guarigione è un percorso quotidiano, e sebbene il recupero possa avvenire progressivamente, una lesione ai muscoli della coscia potrebbe richiedere diversi mesi per guarire completamente.

Sixtus_Ghiaccio_Spray_Professional_SIX0001_A_ml_300

Ghiaccio spray

a partire da 6,20  4,95 
Ghiaccio Spray
promo
sixtus_borsa_ghiaccio-zzz0093_a-gomma_felpata-1

Borsa ghiaccio

a partire da 15,90  12,71 
Borsa ghiaccio in cotone gommato o gomma felpata
promo
sixtus_fabbricatore_ghiaccio-art0155-img_3-1

FABBRICATORE DI GHIACCIO PORTATILE

Portatile.

Stiramento della coscia posteriore: diagnosi con buone prospettive di guarigione

Inizialmente, si avverte una sensazione di tensione diffusa nella coscia, con la sensazione che l’intera regione sia come “bloccata”. Questo fenomeno si verifica di solito durante un movimento repentino e brusco, accompagnato da un doloroso pizzicore nel muscolo coinvolto, poiché il movimento ha causato uno stiramento nella zona della coscia. Tale infortunio rappresenta uno dei problemi più comuni nello sport, affiancato da lesioni muscolari, distorsioni e contusioni.

È importante sottolineare che questo tipo di lesione non colpisce esclusivamente gli atleti; praticamente chiunque, nel corso del tempo, può sperimentare uno stiramento alla coscia, che si verifichi durante l’attività sportiva o, ad esempio, a causa di un improvviso movimento dopo un periodo prolungato di sedentarietà al lavoro

Che cos'è uno "stiramento dei flessori del ginocchio"?

In generale, un muscolo è costituito da diverse fibre muscolari che, a loro volta, sono costituite da unità più piccole, chiamate miofibrille. Quando si verifica uno stiramento, le fibre muscolari vengono danneggiate da un allungamento eccessivo oltre la loro stessa elasticità e ciò porta ai sintomi tipici di uno stiramento muscolare, causato dall’infiammazione del tessuto sovrastressato. Gli stiramenti avvengono spesso e sono localizzati nei diversi gruppi muscolari della zona della coscia.

Cos’altro potrebbe esserci dietro il dolore nella zona della coscia?

  • Fibra muscolare lesionata: le fibre muscolari strappate rappresentano la diagnosi differenziale più importante. Una lesione è la rottura di alcune fibre muscolari, che porta al sanguinamento nel tessuto muscolare. Un dolore lancinante e la contrazione simile a un crampo dei muscoli interessati impediscono di continuare il movimento iniziato. Il risultato è una grave limitazione dei movimenti.
  • Le fibre muscolari in uno stiramento dei flessori del ginocchio rimangono intatte, quindi è meno grave di una rottura di singole fibre muscolari o addirittura di un intero muscolo. Inoltre non c’è sanguinamento.
  • Un ematoma può anche causare dolore quando i muscoli danneggiati sono tesi: ciò è causato per esempio da un corpo contundente o da una collisione, dove una lesione ai vasi sanguigni che alimentano il muscolo provoca sanguinamento. Il dolore causato da un livido si verifica principalmente perché il livido che ne risulta esercita una pressione sul muscolo.

Cosa provoca uno stiramento ai flessori della coscia?

Uno stiramento alla coscia si verifica solitamente quando i muscoli già tesi vengono allungati eccessivamente a causa di uno sforzo errato. Gli sport che richiedono movimenti bruschi hanno maggiori probabilità di causare stiramenti alla coscia, come un cambiamento improvviso tra sprint veloci, affondi e frenate, ad esempio, nel calcio, nel badminton o nel tennis.

  • Altre situazioni che possono provocare uno stiramento alla coscia includono:
    un impatto diretto sul muscolo, durante una collisione, che può generare uno stiramento nella zona della coscia.
  • Un altro possibile fattore scatenante è rappresentato dallo sforzo eccessivo e dall’affaticamento muscolare causati da movimenti ripetuti. Se i muscoli risultano irritati a causa dell’attività sportiva o di sforzi fisici sul lavoro, ciò può contribuire a innescare uno stato infiammatorio.
  • Se i muscoli del tronco e dell’anca si accorciano, ad esempio a causa di una prolungata seduta o di un allenamento unilaterale, oppure se si verifica uno squilibrio muscolare, anche un movimento apparentemente innocuo può portare a uno sforzo eccessivo e, di conseguenza, a uno stiramento.
  • Un disequilibrio statico nella zona della colonna vertebrale aumenta il rischio di uno stiramento alla coscia e, pertanto, richiede un adeguato trattamento.
  • Infine, pregressi infortuni possono predisporre a uno stiramento dei flessori del ginocchio, soprattutto se non sono stati completamente guariti.

Come si manifesta uno stiramento alla coscia?

Lo stiramento della coscia è spesso preceduto da un indurimento dei muscoli, in cui lo sforzo eccessivo del muscolo interessato, provoca un accorciamento e un irrigidimento riflessivo.
La trazione iniziale si trasforma sempre più in dolore persistente e quando viene applicato lo sforzo, il muscolo si contrae spasmodicamente. In alcuni casi potrebbe verificarsi anche un leggero gonfiore.

I sintomi scompaiono quando a riposo, ma non appena il muscolo viene attivato, ricomincia a provocare un dolore sempre più ingravescente, che può estendersi anche al bacino o al polpaccio. Raramente possono verificarsi sensazioni anomale come formicolio, ipersensibilità o intorpidimento della pelle.

In questa fase gli esercizi di stretching o rilassamento non apportano alcun miglioramento. Inoltre la forza muscolare massima della coscia si riduce e l’ampiezza dei movimenti è limitata, e spesso le persone colpite non sono più in grado di camminare correttamente.

Cosa succede dopo la diagnosi di “stiramento alla coscia”?

Il protocollo RICE rappresenta la prima risposta da adottare come misura immediata in caso di uno stiramento alla coscia, comprendendo il Riposo, il Ghiaccio, la Compressione e l’Elevazione della gamba colpita.

È essenziale proteggere immediatamente i muscoli per prevenire ulteriori danni. L’applicazione di ghiaccio, l’elevazione della gamba e la compressione tramite una benda elastica contribuiscono a ridurre il gonfiore e il sanguinamento. Inoltre, la benda svolge una funzione di sostegno per il muscolo interessato.

Gli stiramenti nella parte posteriore della coscia spesso registrano una guarigione in pochi giorni. Tuttavia, se i sintomi sono intensi o non mostrano miglioramenti, è sempre consigliabile consultare tempestivamente un medico o un fisioterapista. Un trattamento precoce gioca un ruolo significativo nel migliorare notevolmente la prognosi.

Stiramento o strappo muscolare dei flessori della coscia

Per personalizzare al meglio il trattamento, è fondamentale inizialmente effettuare una diagnosi accurata, distinguendo con precisione uno stiramento alla coscia da una lesione muscolare.
A tal fine, al paziente vengono innanzitutto richiesti dettagli riguardanti il fattore scatenante e la tipologia di sintomi, seguiti da un approfondimento anamnestico attraverso un esame fisico completo.

Il modo più chiaro per differenziare tra uno stiramento e uno strappo nei muscoli della coscia è l’utilizzo delle tecniche di imaging.

L’ecografia muscolare o meglio la risonanza magnetica (MRI) sono le procedura più sensibili, soprattutto la seconda perché può rilevare il più piccolo sanguinamento o infiammazione.
La risonanza magnetica funziona generando un campo magnetico che, da un lato mostra i contrasti dei tessuti molli molto meglio rispetto a un’immagine a raggi X convenzionale e, dall’altro, evita l’esposizione alle radiazioni del corpo.

I 4 livelli di gravità di una lesione muscolare della coscia

La diagnosi per imaging consente di classificare la lesione muscolare in 4 diversi livelli di gravità e il tipo di lesione ai muscoli posteriori della coscia

  • Grado 0 – Nessun cambiamento muscolare: le lesioni sono troppo piccole per essere visibili anche alla risonanza magnetica oppure sono nascoste.
  • Grado 1 – Crepe microscopiche: indicano uno stiramento eccessivo che porta a microtraumi e dolore lieve. Le restrizioni ai movimenti sono minime. In questi primi due casi si parla di stiramento muscolare e non di lesione muscolare.
  • Grado 2 – Strappi parziali di singole fibre muscolari, sanguinamento, gonfiore: in questo caso la lesione provoca immediatamente dolore e i muscoli interessati possono essere utilizzati solo in misura limitata. La guarigione richiede diverse settimane.
  • Grado 3: rottura dell’intero muscolo, sanguinamento, gonfiore, spesso con lesioni ai tendini: un dolore lancinante e bruciante, particolarmente intenso durante il tentativo di sostenere peso, compromette ogni movimento, inclusa la semplice camminata. Il periodo di recupero varia da alcune settimane a diversi mesi.

Stiramento muscolare dei muscoli posteriori della coscia: trattamento

Dopo aver definito una diagnosi, si sviluppa un piano di trattamento conservativo appositamente adattato per gestire lo stiramento dei muscoli posteriori della coscia.

Durante le prime 48-72 ore dopo l’infortunio, è fondamentale garantire riposo e applicare ghiaccio per proteggere la coscia. L’attività leggera può essere introdotta gradualmente fino a quando non si avverte dolore, evitando così il rischio di lesioni muscolari più gravi. Pomate topicali sono disponibili per alleviare il dolore, mentre il Kinesiotape o il taping funzionano come supporto per rilassare e alleviare il disagio.

La fisioterapia, consigliata dopo la fase acuta, mira a mantenere e migliorare la mobilità, oltre a potenziare la muscolatura attraverso esercizi di stretching e rinforzo muscolare. Con un trattamento adeguato fin dall’inizio, si può spesso raggiungere un miglioramento significativo entro una settimana. La ripresa dell’attività sportiva dovrebbe avvenire solo dopo il periodo di riposo concordato con il medico.
In mancanza di un trattamento e di una protezione adeguati, si corre il rischio di un peggioramento della condizione, con la possibilità, nei casi più gravi, di causare danni muscolari permanenti.

Esistono varie terapie per il trattamento di uno stiramento muscolare

Il trattamento è solitamente conservativo, cioè mediante immobilizzazione e raffreddamento, se necessario anche mediante un bendaggio compressivo. Nella maggior parte dei casi, vengono somministrati contemporaneamente anche farmaci antinfiammatori.
Le possibilità di recupero da uno stiramento muscolare sono ottime.
È importante attenersi al piano terapeutico/fisioterapico, poiché il mancato rispetto può portare a maggiori danni ai muscoli con ulteriori restrizioni al movimento.
Il fisioterapista può utilizzare tutte le tecniche di rilassamento muscolare manuali o tramite l’ausilio di elettromedicali:

Eccezion fatta per crioterapia, taping, kinesiotaping e di diatermia a freddo nelle prime fasi post lesione o post intervento, la maggior parte dell’intervento fisioterapico dovrebbe iniziare sempre e comunque dopo almeno 48-72 ore dalla lesione.
Inoltre importante dosare le fasi del recupero muscolare e del riallenamento muscolare, oltre a mantenere (in caso di sportivi) un buon tono muscolare per i muscoli non interessati e in generale un buon allenamento cardiorespiratorio.

sixtus_dream_k_tribe_azzurro_blu-drm0100-misura_cm_5x5_m_6_pezzi-1

Dream K Tribe

a partire da 16,70  13,36 
Tape per bendaggio neuromuscolare propriocettivo
promo
Sixtus_Dream_K_giallo-DRM0020-misura_cm25x5m_img_1-1

DREAM K

a partire da 18,10  14,48 
Bendaggio neuromuscolare propriocettivo.
promo
sistux 028

Forbici K

20,40  16,32 
Forbice in titanio
promo

Come prevenire efficacemente uno stiramento alla coscia?

Sebbene possa rappresentare una sfida, esistono attività che possono contribuire alla prevenzione degli stiramenti alla coscia. Di seguito, alcune pratiche consigliate da seguire.

  • Riscaldamento e stretching adeguati prima dell’esercizio.
  • Allenamento regolare (una migliore forza muscolare, coordinazione e resistenza significano un minor rischio di infortuni).
  • L’allenamento in nuovi sport o il rientro lento all’attività, poiché all’inizio i muscoli devono ancora abituarsi ai movimenti specifici dello sport.
  • La tecnica corretta per le sequenze di movimento impedisce un caricamento errato ed un sovraccarico.
  • Per ogni sezione di allenamento, mantenere tempi di recupero sufficienti.
  • Conoscere i propri limiti di prestazione (i muscoli esausti sono meno capaci di compensare le forze improvvise)!
  • Fare stretching regolarmente per prevenire l’accorciamento muscolare.

Potrebbe interessarti anche

tutore (1)
Gli infortuni e la guarigione

Tutori: caratteristiche e tipologie

Un tutore è un ausilio medico: “un dispositivo esterno progettato per influenzare le proprietà strutturali e funzionali del sistema neuromuscolare e scheletrico”. I tutori e le ortesi stabilizzanti rappresentano dispositivi ortopedici utilizzati per affrontare problemi articolari e disfunzioni su aree più estese del corpo. Sono concepiti per alleviare il dolore derivante da sovraccarichi, lesioni, interventi […] leggi
lombalgia
Gli infortuni e la guarigione

Lombalgia: cos’è e come si cura?

Il mal di schiena nella zona lombare rappresenta uno dei disturbi muscolo-scheletrici più diffusi. Esploriamo insieme le sue origini e sintomi al fine di prevenirlo e gestirlo in modo adeguato. leggi
Caviglia
Gli infortuni e la guarigione

Distorsione alla caviglia: come guarire con la fisioterapia

La distorsione della caviglia è un’improvvisa e rapida inversione e rotazione interna che sollecita i legamenti laterali della caviglia. Scopriamo come la fisioterapia può intervenire. leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari