Gli infortuni e la guarigione

Sindrome del tunnel ulnare: come si manifesta e come intervenire?

AdobeStock_489771099
1 Quali sono i sintomi?
  • 1 Quali sono i sintomi?
  • 2 Sindrome del tunnel ulnare
  • 3 Sindrome del tunnel ulnare
  • 4 Sindrome del tunnel ulnare
  • 5 Sindrome del tunnel cubitale

Come riconoscere i segnali d'allarme

L’anulare e il mignolo formicolano? È presente formicolio tutto il giorno?
La cosiddetta sindrome del tunnel cubitale o sindrome del solco ulnare è spesso alla base di questi sintomi.
La sindrome del tunnel cubitale si verifica quando un nervo del braccio viene compresso in modo permanente. L’aumento della pressione sul nervo ulnare sensibile (nervus ulnaris) innesca il tipico dolore e disturbi sensoriali.
Se il nervo ulnare è compresso nel tunnel cubitale, il tessuto connettivo fasciale è spesso allungato, e allentando la tensione di queste strutture, il nervo “pizzicato” ottiene di nuovo più spazio.
Molte persone non ci pensano fino a quando non notano una significativa perdita di forza nelle loro mani. Ma è necessario rivolgersi al medico o allo specialista di fiducia in presenza di questi sintomi.
Iniziare subito il trattamento per evitare ulteriori danni, con gli esercizi mirati, può migliorare rapidamente la situazione e assicurare di tenere sotto controllo i sintomi.

  • I primi sintomi sono formicolio e intorpidimento dell’anulare e del mignolo..
  • Nella fase avanzata, l’atrofia muscolare porta a una riduzione della forza.
  • Le persone colpite spesso cercano assistenza medica troppo tardi, il che riduce le possibilità di un rapido successo del trattamento.

I primi sintomi della sindrome del tunnel cubitale sono spesso disturbi sensoriali nel mignolo e nell’anulare. Ciò accade spesso di notte durante il sonno o dopo determinati sforzi.
Poiché i pazienti lo descrivono in modo diverso nella loro percezione, i medici generalmente parlano di parestesia. Questi includono i seguenti sintomi che è possibile notare nella mano, nell’anulare e nel mignolo:

  • sordità,
  • formicolare,
  • sensazione di presenza di peli,
  • sensazione di gonfiore.

I sintomi sono più comuni nel braccio sinistro. Tuttavia, la malattia si manifesta su entrambi i lati contemporaneamente in circa il 20-40% dei casi.
Tali disturbi sensoriali sono solitamente innescati da movimenti diversi o in determinate posizioni. Si verificano spesso, ad esempio, quando l’articolazione del gomito si flette durante la posizione di lettura del giornale o quando al cellulare.
Inoltre, il lavoro effettuato con le braccia sopra la testa e alcuni sport possono aumentare i sintomi della sindrome del tunnel cubitale. Muovere ripetutamente il gomito nello stesso modo, ad esempio nel basket o nel golf, spesso aumenta il dolore e lo stesso può accadere quando si dipinge il soffitto, per esempio.
Molti pazienti riferiscono che i sintomi compaiono principalmente di notte durante il sonno. Alcune delle persone colpite si svegliano a causa di questo: i sintomi di solito iniziano quando dormono su un fianco e con le braccia piegate.
Intorpidimento e altri disturbi sensoriali sono il segno più comune della sindrome del tunnel cubitale. Tuttavia, alcuni malati lamentano anche dolore sintomatico al gomito che si irradia alla mano o alla spalla. Se la malattia progredisce senza controllo, può parzialmente paralizzare i muscoli e, a causa della paralisi incompleta (paresi), il mignolo sporge leggermente. Allo stesso tempo, la mano e il braccio si sentono impotenti e goffi e scrivere qualcosa a mano o girare una chiave nella serratura di una porta, sono spesso una sfida.
Nelle ultime fasi della malattia, la presa si indebolisce, poiché la riduzione della forza è causata dall’atrofia muscolare della mano. Le dita sul lato ulnare (mignolo e anulare) sono leggermente piegate e sporgono, con un tale posizionamento e flessione per il quale, gli specialisti, parlano di mano ad artiglio.

Classificazione

Sebbene non esista ancora un sistema universale in medicina, i sintomi della sindrome del tunnel cubitale sono suddivisi in tre gradi di gravità.

  • Lieve: il mignolo e l’anulare a volte formicolano o si sentono a volte intorpiditi. La mano a volte sembra un po’ debole.
  • Medio: il mignolo e l’anulare formicolano più spesso o talvolta si sentono intorpiditi. Il pollice e l’indice non possono afferrare correttamente.
  • Grave: il mignolo e l’anulare formicolano costantemente o si sentono sempre intorpiditi. Le dita ulnari sono parzialmente paralizzate e sporgono. Inizia l’atrofia muscolare.

Incidenza

Nel complesso, solo circa l’uno per cento della popolazione mostra i sintomi tipici della malattia e pochissime di queste soffrono di grave sindrome del tunnel cubitale.
Ogni anno, circa 25 persone su 100.000 si ammalano.
I bambini e gli adolescenti sono poco colpiti.
Le statistiche mostrano anche che gli uomini hanno la sindrome del solco ulnare quasi il doppio delle donne. Anche i fumatori spesso soffrono dei ben noti sintomi. Chiunque abbia fumato per dieci anni dall’età di 31 anni ha il doppio del rischio di sviluppare la sindrome da intrappolamento del nervo del tunnel cubitale, mentre per chi ha iniziato a fumare giovanissimo in età scolare, il rischio è addirittura cinque volte superiore a quello dei non fumatori.

Quali sono le cause?

  • La sindrome del tunnel cubitale si verifica quando il nervo ulnare viene pizzicato nell’area del gomito.
  • Il nervo si trova in un canale di tessuto osseo e fasciale, la causa primaria è un “accorciamento” della fascia del tunnel cubitale. Questo crea una pressione permanente nel canale nervoso.
  • La causa secondaria risiede nelle fratture ossee o nelle malattie articolari.

La sindrome del tunnel cubitale può avere una varietà di cause. Sebbene medici e scienziati abbiano svolto ricerche sulla malattia per molti anni, ancora non comprendono appieno alcune delle connessioni.
Tuttavia, una cosa è chiara: il nervo ulnare è danneggiato a livello del gomito per compressione, trazione o attrito. Questo danno da pressione provoca i sintomi tipici della sindrome del tunnel cubitale. Tuttavia, non è sempre chiaro dove e come il nervo sia “pizzicato” o danneggiato. Pertanto, gli scienziati hanno diviso il quadro clinico in due forme.

  • La prima forma (primaria) è indicata dai professionisti medici come idiopatica (circa il 30-50% dei casi). Ciò significa semplicemente che non è stata trovata alcuna causa per la malattia e che si manifesta da sola o indipendentemente da altre malattie.
  • La seconda forma (secondaria) è considerata sintomatica perché i medici possono vedere chiari segni di malattia come lesioni o mal posizioni sul gomito.

Numerosi studi hanno già contribuito a comprendere meglio la malattia.
Oggi sappiamo dove il nervo ulnare è sotto pressione (compressione) nel canale del nervo ed è pizzicato o compresso. La situazione è leggermente diversa in ciascuna delle tre sezioni del tunnel cubitale: per molto tempo si è ipotizzato che il nervo ulnare sia compresso principalmente nella prima sezione del tunnel cubitale. Poiché questa sezione è caratterizzata da un canale osseo (solco), la malattia era precedentemente nota come sindrome del solco ulnare (anche: sindrome del solco ulnare). Oggi, tuttavia, sappiamo che tutte le sezioni possono essere colpite, quindi questa malattia è la cosiddetta “sindrome del tunnel cubitale”.
La compressione del nervo ulnare sensibile è probabilmente più comune nella seconda area. L’alta pressione si accumula sotto la fascia di Osborne (retinacolo del tunnel cubitale), che attraversa ancora parzialmente il solco.
Nella terza area, può verificarsi una compressione dannosa sotto la fascia flessoria, sollecitando il nervo ulnare.
Diversi studi hanno dimostrato che questi “colli di bottiglia” si estendono talvolta dal gomito fino a dodici centimetri in direzione della mano.
È generalmente accettato che la pressione ripetuta sul gomito possa portare a questa sindrome da compressione nervosa, mentre le malformazioni ossee non possono essere visti nella forma idiopatica della malattia.
Tuttavia, alcuni ricercatori sospettano che il fisico possa promuovere la sindrome del tunnel cubitale attraverso alcune deviazioni anatomiche, ma non la inneschi direttamente. Indipendentemente da ciò, gli scienziati ritengono che i pattern di movimento personali potrebbero avere un impatto sui sintomi.
Ma non solo: misurazioni mirate della pressione durante gli interventi chirurgici hanno dimostrato che, oltre alla pressione eccessiva, sul nervo agiscono anche forti sollecitazioni di trazione fasciale.
Il problema sussiste se si tiene il gomito piegato a lungo, con la conseguenza che la fascia si “accorcierà” sempre di più nel tempo. Inoltre, anche altri fattori chiaramente riconoscibili possono scatenare questa malattia nella forma secondaria o sintomatica della sindrome del tunnel cubitale. Le cause note includono:

  • Artrosi,
  • reumatismi,
  • ossa rotte nella zona del gomito,
  • diabete,
  • sovrappeso,
  • disfunzione tiroidea,
  • malattia renale cronica,
  • cambiamenti ormonali (dovuti a gravidanza o menopausa).

Altre cause secondarie molto meno comuni includono lipomi, gangli, vene ispessite, cisti o processi infiammatori, possono restringere così tanto lo spazio nel tunnel cubitale o nelle immediate vicinanze da comprimere il nervo ulnare. Da questo intrappolamento deriva un danno da compressione.
Naturalmente, il nervo ulnare può essere pizzicato anche in punti diversi dal gomito.
Ad esempio, gangli, cisti e altre cause possono anche portare alla sindrome da compressione nel rachide cervicale, nell’avambraccio o nella scatola di Guyon sul polso.
I sintomi corrispondenti sono simili a quelli della sindrome del tunnel cubitale.
Uno specialista può utilizzare una diagnosi approfondita per determinare con precisione la causa della sindrome da compressione.

Trattamento

La sindrome del tunnel cubitale può essere scatenata da un aumento dello stress, in cui i sintomi dovrebbero durare solo per un breve periodo e scomparire da soli non appena si smette di sforzare i movimenti del gomito.
Altrimenti, ci sono diversi modi per trattare la sindrome del tunnel cubitale dal punto di vista medico e/o fisioterapico.
Molti medici seguono la logica che aiuta a risolvere i sintomi acuti causati da uno stress eccessivo a breve termine, vale a dire il riposo. Pertanto, una raccomandazione comune di molti professionisti medici è quella di immobilizzare il braccio.
Ad esempio, non appoggiare il gomito sensibile su superfici dure, altrimenti, la pressione esterna può mettere a dura prova il nervo ulnare: se viene pizzicato ancora di più, i sintomi ovviamente aumenteranno.
Allo stesso tempo, la medicina convenzionale suggerisce di evitare movimenti che richiedono di piegare troppo il gomito.
Tuttavia, poiché questo accade naturalmente a molte persone di notte mentre dormono, i medici prescrivono le cosiddette stecche notturne.
Queste stecche ortopediche fissano l’articolazione del gomito con un angolo delicato da 40 a 50 gradi.
Questo è il motivo per cui l’immobilizzazione nelle stecche è inizialmente piuttosto impopolare con la maggior parte dei pazienti.
Inoltre, poiché aumentano la causale mancanza di esercizio, sarebbe necessario effettuare esercizi mirati per far muovere di nuovo la fascia.
L’allenamento regolare della fascia mantiene sano il tessuto connettivo e può ridurre le elevate forze di trazione e compressione del tunnel cubitale. Per fare questo, mettere in moto lentamente il fluido interstiziale per aumentare lo scambio di nutrienti nel tessuto connettivo anche attraverso un massaggio fasciale, è il metodo ottimale per questo:

  • i movimenti di rotolamento lenti consentono al fluido interstiziale di fluire meglio nell’area desiderata.
  • I materiali di scarto vengono così rimossi e possono fluire fluidi freschi e ricchi di sostanze nutritive.
  • I fibroblasti scompongono il collagene e quindi riducono l’adesione della fascia.

Le forze di compressione e trazione della fascia diminuiscono e il nervo ulnare compresso può essere liberato, in modo che i sintomi regrediscano.
Per eliminare il dolore, ai pazienti con trattamento farmacologico vengono somministrati antidolorifici, oltre al cortisone è ancora prescritto, sebbene l’effetto degli antidolorifici così come quello del cortisone nella sindrome del tunnel cubitale sia già discusso in modo controverso.

Le attuali linee guida mediche sconsigliano espressamente l’uso di un’iniezione di cortisone direttamente sul tunnel cubitale. Questa procedura è spesso associata a varie complicazioni e non promette alcun miglioramento aggiuntivo rispetto al semplice riposo.

La fisioterapia può anche essere utilizzata per trattare la sindrome del tunnel cubitale lieve con i seguenti trattamenti speciali:

  • i trattamenti a ultrasuoni di un nervo compresso al gomito hanno benefici terapeutici.
  • gli esercizi di scorrimento del nervo per il nervo ulnare.

Inizialmente, la sindrome del tunnel cubitale dovrebbe essere trattata in modo delicato e non chirurgico. In molti casi, i sintomi possono essere eliminati con successo in anticipo.
E necessario un intervento chirurgico di neurolisi in cui la chirurgia mira a ridurre la pressione sul nervo, quando:

  • i trattamenti convenzionali non hanno funzionato
  • le dita e il braccio sono permanentemente insensibili o formicolanti,
  • i muscoli si stanno atrofizzando a causa di disturbi sensoriali persistenti (atrofia muscolare),
  • i controlli elettrofisiologici mostrano che la velocità di conduzione nervosa è diminuita nel corso di diverse settimane.

La procedura di neurolisi si verifica quando il nervo viene compresso dal tessuto del tunnel cubitale.
Pertanto, un’operazione potrebbe avvenire direttamente sull’articolazione del gomito, ma anche sul lato ulnare dell’avambraccio o sull’estremità inferiore dell’omero.
Dopo l’operazione di neurolisi, i pazienti devono riposare il braccio interessato per due o tre settimane.
La semplice decompressione spesso dà buoni risultati. Nonostante ciò, il dolore e i sintomi spesso persistono.
In altri casi, i sintomi ritornano dopo qualche tempo.
Gli esperti parlano poi di recidiva. Tali casi presentano ai medici complessi problemi terapeutici nel trattamento della sindrome del tunnel cubitale.

Potrebbe interessarti anche

tutore (1)
Gli infortuni e la guarigione

Tutori: caratteristiche e tipologie

Un tutore è un ausilio medico: “un dispositivo esterno progettato per influenzare le proprietà strutturali e funzionali del sistema neuromuscolare e scheletrico”. I tutori e le ortesi stabilizzanti rappresentano dispositivi ortopedici utilizzati per affrontare problemi articolari e disfunzioni su aree più estese del corpo. Sono concepiti per alleviare il dolore derivante da sovraccarichi, lesioni, interventi […] leggi
lombalgia
Gli infortuni e la guarigione

Lombalgia: cos’è e come si cura?

Il mal di schiena nella zona lombare rappresenta uno dei disturbi muscolo-scheletrici più diffusi. Esploriamo insieme le sue origini e sintomi al fine di prevenirlo e gestirlo in modo adeguato. leggi
ginocchio
Gli infortuni e la guarigione

Stiramento muscolare alla coscia: come riconoscerlo e cosa fare?

I muscoli posteriori delle cosce sono soggetti a tensioni durante la corsa. Un adeguato allenamento di flessibilità può aiutare a prevenirle. leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari