Gli infortuni e la guarigione

Rottura tendine d’Achille: i migliori esercizi per prevenirla

rottura-tendine-achille
1 Cosa è il tendine di Achille?
  • 1 Cosa è il tendine di Achille?
  • 2 Rottura del tendine
  • 3 Quando fare attenzione?
  • 4 Come accorgersi della rottura?
  • 5 Come intervenire
  • 6 Come prevenire?

Tendine di Achille: informazioni anatomiche

Il tendine di Achille è uno dei tendini più forti del corpo umano e per questo necessita di molto stress prima di arrivare a rompersi.
Una rottura del tendine d’Achille (lesione totale o massiva del tendine d’Achille) si verifica quando il tendine viene improvvisamente sottoposto a sollecitazioni eccessive o lesioni reiterate e non curate. Di solito si strappa completamente, e raramente si verifica una rottura parziale.
La lesione di solito si verifica nel punto più stretto del tendine, da due a sei centimetri sopra la base dell’osso del tallone, nella cosiddetta “vita” del tendine d’Achille.
Occasionalmente, si verifica una rottura del tendine d’Achille nell’area in cui si inserisce sul calcagno.

Il nome tendine d’Achille risale alla mitologia greca.
Il tallone era l’unica parte del corpo in cui l’eroe Achille era vulnerabile: una freccia lo colpì esattamente lì provocandone la morte.
Il tendine di Achille (Tendon calcaneus) collega l’osso del tallone con il muscolo del polpaccio (Musculus triceps surae, con una lunghezza che varia da 20 a 25 centimetri e una larghezza media di circa 5 centimetri, è il tendine più forte dell’organismo umano. Ci permette di stare in punta di piedi e spingere mentre corriamo e saltiamo. Può essere facilmente percepito palpandolo attraverso la pelle appena sopra il tallone.
Durante gli sport (soprattutto sport con la palla, corsa, salti, calcio, ciclismo), una forza peso multipla del peso corporeo agisce sul tendine di Achille.

Panoramica: cos'è una rottura del tendine d'Achille?

Un tendine d’Achille strappato è uno dei tipici infortuni sportivi. Il tendine che collega l’osso del calcagno e i muscoli del polpaccio, subisce in particolare le accelerazioni improvvise e gli arresti bruschi, che possono generare così tanto stress da provocare la lesione massiva o la rottura totale.
Durante la rottura del tendine, il soggetto percepisce un chiaro schiocco, come il rumore di una frusta e un dolore immediato e intenso. Inoltre le persone colpite da questo tipo di infortunio riferiscono che sembra che qualcuno abbia loro calpestato il tendine provocando un forte dolore lancinante nella parte inferiore del polpaccio, dolore che, rispetto ad altre lesioni o infortuni, di solito non è persistente.
Successivamente si formano ematomi e probabilmente avvallamenti sopra il tallone, e si presenta impotenza funzionale per cui non è più possibile spingere il piede o camminare, quantomeno sulle dita dei piedi.
Un tendine completamente lesionato richiede quasi sempre procedure chirurgiche.

Rottura del tendine d’Achille: epidemiologia

Una rottura del tendine d’Achille è abbastanza comune: più di dieci persone su 100.000 la contraggono ogni anno, gli uomini fino a dieci volte più spesso delle donne.
Particolarmente colpita è la fascia di età compresa tra i 30 e i 60 anni, poiché con l’avanzare dell’età, sono presenti anche segni di usura del tendine.
Una rottura del tendine d’Achille è causata principalmente dagli sport con la palla e più spesso colpisce persone poco allenate, e si verifica tipicamente negli atleti dilettanti nella fascia di età sopra citata.

Rottura del tendine d'Achille: cause e fattori di rischio

Le lesioni al tendine d’Achille sono più comuni durante gli sport, in particolare gli sport con la palla, di corsa e in cui sono presenti salti. Di solito si verifica a seguito di un brusco serraggio del tendine, che accade, ad esempio, con attività che richiedono rapidi movimenti stop-and-go, sprint o salti.
Se il tendine d’Achille si strappa, di solito è già danneggiato, ad esempio a causa del processo di invecchiamento. Se il tendine non è sufficientemente riscaldato e allungato prima dell’esercizio, il rischio di rottura è particolarmente elevato.
L’usura del tessuto tendineo dell’achilleo può iniziare già nella giovane età. Inoltre le persone che non sono fisicamente attive hanno un rischio maggiore di strappare il tendine d’Achille sotto stress, poiché un basso livello di forma fisica significa che l’intero sistema muscolo-tendineo è meno elastico e più soggetto a infortuni.
I fattori di rischio per una rottura del tendine di Achille infatti includono:

  • Età avanzata;
  • Disfunzione muscolare;
  • Genere maschile;
  • Assunzione di antibiotici (chinolonici), steroidi anabolizzanti e cortisone;
  • Microlesioni dovute a sforzi eccessivi, ad esempio durante lo sport;
  • Malattie come il diabete mellito.

Molto raramente, la violenza diretta, come un taglio di coltello o un calcio con una scarpa con tacchetti, provoca la rottura del tendine d’Achille.

Rottura del tendine di Achille: sintomi

I sintomi principali dopo una rottura del tendine di Achille sono:

  • dolore (che tende a scomparire in assenza di sollecitazioni);
  • edema ed ematoma;
  • movimento limitato.

I sintomi si manifestano man mano che passa il tempo:

  • subito si presenta come forte dolore lancinante nella parte inferiore del polpaccio che sembra di essere stato preso a calci nel tendine;
  • la capacità di camminare e stare in piedi viene immediatamente ridotta in modo significativo, per cui minimo, non è possibile sollevarsi sulle dita del piede interessato, ma anche camminare o appoggiarsi sul piede risulta difficoltoso se non impossibile;
  • successivamente si presenta avvallamenti palpabili ed ematomi sopra il tallone;
  • poi edema al polpaccio e alla parte posteriore della caviglia.

A causa di questi sintomi tipici, la diagnosi è abbastanza semplice per cui si sospetta già una rottura del tendine d’Achille.

Rottura del tendine d'Achille: diagnosi e trattamento

La diagnosi di solito non è molto complessa e può essere fatta in modo inequivocabile sulla base dell’evento tipico e dei sintomi. Di solito viene riconosciuta rapidamente quando viene descritto il corso dell’incidente. Inoltre al tatto è possibile palpare un avvallamento spesso visibile sotto la cute sopra il tendine di Achille. Come accennato in precedenza, la sintomatologia clinica di non essere in grado di stare in punta di piedi è cruciale per la diagnosi di rottura del tendine.
Il cosiddetto test di Thompson fornisce un’ulteriore conferma di un tendine d’Achille lesionato: per fare questo, con il soggetto sdraiato sullo stomaco, si lascia che la gamba interessata penzoli liberamente. Stringendo i muscoli del polpaccio, con tendine di Achille intatto, le dita dei piedi si spostano quindi verso la pianta del piede. Se il tendine è strappato, questo riflesso non si verifica.
I metodi di imaging possono contribuire alla diagnosi:

  • radiografia: l’esame radiografico può escludere che parti dell’osso siano lesionate (avulsione ossea).
  • Ultrasuoni (ecografia): l’ecografia sulla regione del tendine di Achille aiuta a individuare la posizione e l’entità della lesione e a controllare quanto sono distanti le estremità del tendine rotto.
  • Imaging a risonanza magnetica (MRI): l’esame MRI può essere utilizzato per valutare lo strappo in modo più preciso. Tuttavia, un esame MRI non è assolutamente necessario per ogni persona interessata ma solo nel caso in cui il tendine sia parzialmente lesionato.

La rottura del tendine d’Achille viene solitamente trattata in regime ambulatoriale con procedura conservativa in caso di rotture parziali o chirurgica in caso di rotture complete o massive.
In caso di rotture parziali è possibile un trattamento conservativo con sollievo e immobilizzazione del piede. Per questo è necessario indossare stecche o scarpe speciali.
In caso di rottura completa, quando le due estremità del tendine non si toccano più, il tendine deve essere ricucito chirurgicamente.

Rottura del tendine di Achille: trattamento conservativo

Se le estremità della lesione si toccano quando il piede viene abbassato nella cosiddetta posizione equina, è possibile che il tendine riesca (raramente) a ripararsi senza intervento chirurgico.
Un esame ecografico viene utilizzato per determinare se la posizione equina è possibile.
Durante il periodo di trattamento, il piede viene stabilizzato con un’ortesi o una soletta speciale, in modo che sia possibile la resilienza iniziale. La piena resilienza viene lentamente costruita con la terapia funzionale precoce e la fisioterapia. Il trattamento è per lo più finito dopo sei-otto settimane.

Rottura del tendine di Achille: trattamento chirurgico

Se le estremità dello strappo non si toccano più quando il piede è abbassato, è necessaria un’operazione. Durante l’operazione, le due estremità della lesione vengono cucite insieme.
La procedura viene eseguita con un’incisione lunga fino a otto centimetri sopra il tendine di Achille o minimamente invasiva con piccole incisioni. Se il tendine di Achille è gravemente danneggiato ed è necessario un trapianto di tendine, la procedura viene eseguita in anestesia generale.
Durante la procedura, il tubo tendineo viene aperto e le estremità suturate.
Dopo l’operazione, il piede viene immobilizzato. Non appena la ferita è guarita, inizia il trattamento funzionale precoce e la fisioterapia.
Studi scientifici dimostrano che il tasso di guarigione con un’operazione è superiore di diversi punti percentuali rispetto a quando la lesione viene trattata solo in modo conservativo.
Con la chirurgia, c’è il rischio di infezione della ferita; questo può essere ridotto con le nuove tecniche chirurgiche minimamente invasive. La terapia chirurgica è da preferire, soprattutto nei pazienti giovani e attivi.
Indipendentemente dal fatto che il trattamento sia conservativo o chirurgico, dovrebbe seguire un trattamento di follow-up funzionale, cioè una terapia motoria costruttiva precoce.
In scarpe speciali con tacchi rialzati e linguetta rigida, la gamba può essere nuovamente caricata con carico totale dopo poco tempo. Il trattamento fisioterapico può iniziare al più tardi entro tre settimane. Da sei a otto settimane dopo l’incidente, le scarpe o le stecche di solito non sono più necessarie.
Tuttavia, i muscoli del polpaccio devono essere nuovamente rafforzati con un allenamento mirato. Da tre a sei mesi dopo la fine del trattamento, l’infortunato può di nuovo praticare sport.

Decorso e prognosi

Il decorso e la prognosi di una rottura del tendine d’Achille dipendono fortemente dalla terapia.
Se è fatto professionalmente e c’è un trattamento di follow-up coerente, è quasi sempre possibile ripristinare la capacità del tendine di Achille e la funzione della caviglia.
Ciò consente di riguadagnare i livelli di prestazioni precedenti all’infortunio al tendine.
Tuttavia, questa prognosi positiva non si applica ai migliori atleti delle discipline di salto e corsa: un tendine d’Achille lacerato significa spesso la fine della carriera, poiché spesso non riescono a recuperare la piena capacità fisica e mentale nonostante la terapia e le cure successive.
Il rischio di trombosi delle vene delle gambe aumenta dopo la rottura del tendine d’Achille.

Rottura del Tendine di Achille: prevenzione

Il riscaldamento e lo stretching prima e dopo l’esercizio ed evitare movimenti improvvisi aiutano a prevenire lesioni ai tendini.

  • Allenarsi regolarmente. Affidarsi a un allenamento dedicato di forza e resistenza, aumentando gradualmente il carico.
  • Per le persone poco allenate o dilettanti, evitare carichi estremamente veloci, bruschi e quindi pesanti (ad esempio nello squash, nel tennis, nel calcio), poiché spesso portano alla rottura del tendine d’Achille.
  • Riscaldare i muscoli, i tendini e le articolazioni prima dello sforzo fisico.
  • Poiché una rottura del tendine d’Achille è un incidente e quindi un evento improvviso, la diagnosi precoce non è possibile.

Esercizi per prevenire la lesione del tendine di Achille

Cosa è importante per gli esercizi del tendine d’Achille?
Un tendine d’Achille guarirà solo quando è “teso”, cioè quando è carico.
Quindi: esercizi, esercizi, esercizi!
Dipende tutto dal livello del carico dell’esercizio: se il carico è troppo basso, il tendine d’Achille reagisce poco o per niente. Quindi: sono necessari carichi elevati (90% della massima contrattilità volontaria).
Anche la durata e la velocità sono cruciali, per cui è meglio esercitarsi più a lungo, cioè rimanere più a lungo nella fase di stress e fare meno ripetizioni rispetto a esercizi più brevi con molte ripetizioni (esecuzione dell’esercizio di durata di almeno 6 secondi). La durata totale della fase di carico è importante, con la fase eccentrica (allungamento verso il basso) che deve essere notevolmente più lunga.
Quale forma di carico viene scelta (eccentrica, concentrica, isometrica, resistenza lenta) sembra essere di secondaria importanza. Alcuni scienziati dicono addirittura che non ha importanza.
Gli esercizi del tendine d’Achille possono causare dolore, che non deve essere troppo alto o addirittura aumentare durante o dopo l’esercizio. Quindi: allenarsi nel dolore, ma senza esagerare.
Per avere un’idea di quanto sia grave il dolore e poter classificare il dolore in modo significativo, immagina una scala da 1 a 10 dove:
1 = nessun dolore,
10 = massimo dolore.
Gli esercizi del tendine d’Achille dovrebbero essere compresi tra 3 e 5 della scala del dolore. Durante la pausa, la sensazione di dolore dovrebbe essere inferiore al valore 3.

Esempio di un piano di allenamento “allenamento eccentrico del tendine d’Achille”:
-3 serie da 15 ripetizioni;
-esecuzione lenta;
-riposa 2 minuti tra le serie.

Tutti gli esercizi una volta con un ginocchio dritto, una volta con uno piegato; 5 minuti di pausa tra queste due varianti.
Il carico può essere aumentato lentamente portando uno zaino a peso variabile sulla schiena ed aumentandolo ogni settimana, sempre seguendo la sensazione di dolore come linea guida : non più di 5 sulla scala immaginaria.
Attenzione: maggiore è il carico, più importante è fare una pausa di 36 ore prima della sessione di allenamento successiva. Prima di allora, il tendine d’Achille è ancora in fase di rigenerazione e qualsiasi nuovo sforzo annullerebbe tutti gli sforzi.
L’allenamento pesante di resistenza lenta ha pause più lunghe tra i carichi (3 volte a settimana) e quindi corrisponde maggiormente all’idea che il tendine d’Achille abbia bisogno di tempo sufficiente per rigenerarsi.

1. Allungamento eccentrico del tendine di Achille

Esercizio tutto da terra, il piede interessato non è eccessivamente allungato quando viene abbassato.
Fase 1: a terra con entrambi i piedi;
Fase 2: sul pavimento, su un piede in punta di piedi;
Fase 3: sul pavimento, abbassando il piede interessato.

2. Esercizio di allungamento eccentrico del tendine di Achille

Passaggio 1: posizione con l’avampiede sul bordo di un gradino con la gamba interessata.
Passaggio 2: quindi alzarsi in punta di piedi.
Passaggio 3: abbassare lentamente il piede sotto il bordo superiore del gradino.
Variazioni su questo esercizio del tendine d’Achille: una volta con un ginocchio dritto e una volta con un ginocchio piegato.

3. Saltare su una gamba sola

Basta saltare attraverso in avanti, in laterale o indietro sulla pianta del piede, quindi cambiare piede. Ripetizioni di 10 salti per 10 volte con una pausa di 30 secondi tra le serie.

4. Esercizio del tendine d’Achille “allenamento di resistenza lento pesante”

Allenamento pesante con resistenza lenta (dovrebbe essere fatto con o guidato da un fisioterapista e poi svolto in una sala pesi/palestra).
3 diversi esercizi per il tendine d’Achille, ciascuno con entrambe le gambe.
3-4 serie con 2-3 minuti di riposo; pausa di 5 minuti tra i diversi esercizi del tendine d’Achille.
Il numero di ripetizioni per serie dovrebbe essere eseguito con un peso aggiuntivo tale che il numero specificato di ripetizioni sia il massimo, ovvero non si dovrebbe essere in grado di fare più ripetizioni, altrimenti il peso aggiuntivo sarebbe stato troppo basso.

5. Esercizio di Achille sensomotorio – Coordinazione

Questo esercizio sarebbe meglio effettuarlo all’inizio sotto la guida e spiegato dal tuo fisioterapista e/o allenatore.
A casa è possibile effettuare i seguenti esercizi per il tendine di Achille:
-stand a una gamba in diverse varianti: con esercizi per le braccia, con gli occhi chiusi.
-Stativo a due o una gamba, con vari esercizi per le braccia su una superficie morbida, a esempio un Balance Board, uno Skimmy o un piano terapeutico, con gli occhi chiusi.
-Esercitare le capacità motorie per lo sport, si tratta di esercizi coordinativi che hanno qualcosa a che fare con il tuo sport e hanno lo scopo di introdurvi nuovamente al tuo sport dopo una pausa:
-esegui ABC per chi fa jogging (ovvero corsa skip, calciata, corsa laterale, cambi di direzione etc.).
-Esercizi con la palla con piede e testa per calciatori.

sixtus_pedana_gonfiabile-tri0100-diametro_40_cm

Pedana Gonfiabile

85,00  68,00 
Pedana gonfiabile per esercizio propriocettivo.
promo
Sixtus_pedana_sit-GOM0021-diametro_40_cm_img_1-1

Pedana Sit

50,50  40,39 

Pedana gonfiabile provvista di valvola

promo
sixtus_handy_gym_pedana-hng0016-1-1

Pedana portatile

162,00  129,60 

Pedana portatile

promo

Potrebbe interessarti anche

tutore (1)
Gli infortuni e la guarigione

Tutori: caratteristiche e tipologie

Un tutore è un ausilio medico: “un dispositivo esterno progettato per influenzare le proprietà strutturali e funzionali del sistema neuromuscolare e scheletrico”. I tutori e le ortesi stabilizzanti rappresentano dispositivi ortopedici utilizzati per affrontare problemi articolari e disfunzioni su aree più estese del corpo. Sono concepiti per alleviare il dolore derivante da sovraccarichi, lesioni, interventi […] leggi
lombalgia
Gli infortuni e la guarigione

Lombalgia: cos’è e come si cura?

Il mal di schiena nella zona lombare rappresenta uno dei disturbi muscolo-scheletrici più diffusi. Esploriamo insieme le sue origini e sintomi al fine di prevenirlo e gestirlo in modo adeguato. leggi
ginocchio
Gli infortuni e la guarigione

Stiramento muscolare alla coscia: come riconoscerlo e cosa fare?

I muscoli posteriori delle cosce sono soggetti a tensioni durante la corsa. Un adeguato allenamento di flessibilità può aiutare a prevenirle. leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari