Gli infortuni e la guarigione

Artrosi post-traumatica del ginocchio: quando la lesione è seguita dalla malattia

AdobeStock_563411599
1 Artrosi post-traumatica di ginocchio
  • 1 Artrosi post-traumatica di ginocchio
  • 2 Come si sviluppa l'artrosi post-traumatica del ginocchio
  • 3 Artrosi post-traumatica del ginocchio
  • 4 Artrosi post-traumatica del ginocchio
  • 5 Artrosi post-traumatica del ginocchio
  • 6 Artrosi post-traumatica del ginocchio

Cos'è l'artrosi post-traumatica?

Il sistema muscoloscheletrico umano è costantemente esposto a carichi pesanti e può essere danneggiato nel corso degli anni o da incidenti: tendini, legamenti, menisco, cartilagine, tessuti molli e ossa possono essere gravemente colpiti da lacerazioni o fratture. Ma tali lesioni acute sono spesso seguite da usura e, di conseguenza, un processo infiammatorio chiamato artrite a causa del passaggio del dolore, della negligenza, dello sforzo eccessivo e della disposizione ereditaria. Dopo qualche tempo, questo si trasforma spesso in artrosi, che descrive un danno irreversibile all’osso.

L’articolazione del ginocchio è particolarmente e frequentemente colpita da artrosi dopo le fratture sia intra che extra articolari.

Dopo una frattura del piatto tibiale o una frattura distale del femore, l’artrosi post-traumatica si verifica con il 21% – 74% entro dieci anni. Tuttavia, anche lesioni della capsula e dei legamenti con conseguente instabilità, lesioni del menisco o danni diretti alla cartilagine possono scatenare l’artrosi post-traumatica. A seconda dell’entità del danno, l’artrosi post-traumatica si osserva in oltre l’80% dei pazienti a medio termine.

Quali sono le cause?

L‘artrite post-traumatica (PTA) è associata a significativa compromissione fisica e perdita di funzionalità. Lo sviluppo di artrite post-traumatica (PTA) si verifica spesso dopo una frattura articolare. Tuttavia, le complessità del corpo coinvolto nello sviluppo e nella sua progressione dopo una lesione articolare sono ancora in gran parte sconosciute. Qualsiasi lesione articolare nel corso della vita può alla fine portare all’artrosi post-traumatica (PTOA). L’edema del midollo osseo è spesso un segno che non deve essere trascurato!
Le cause comuni sono:

  • infortunio sportivo
  • cadute
  • incidenti automobilistici
  • precedente intervento chirurgico alle articolazioni

La lesione danneggia la cartilagine o l’osso e può modificare la meccanica dell’articolazione. Questi cambiamenti, a loro volta, provocano un’usura più rapida dell’articolazione, soprattutto se l’articolazione è soggetta a sollecitazioni aggiuntive nel tempo. Per questo motivo, la artrosi post-traumatica è più comune nei pazienti più giovani rispetto alla tipica osteoartrite.

Degenerazione accelerata della cartilagine articolare con conseguente artrosi post-traumatica

L’articolazione del ginocchio è esposta a un carico meccanico molto elevato ad ogni passo. Pertanto, dopo gli infortuni, la ricostruzione anatomica della superficie articolare e il ripristino di un asse anatomico della gamba è la chiave per evitare l’artrite post-traumatica dell’articolazione del ginocchio.
Se il passo articolare rimanente è inferiore a 2 mm e la deviazione dell’asse è inferiore a 8°, almeno nel follow-up a medio termine i tassi di artrite aumenteranno solo del 6%. Inoltre, il ripristino delle relazioni assiali anatomiche è un fattore decisivo per quanto riguarda il successivo trattamento endoprotesico.
Ma non sono solo i fattori meccanici a giocare un ruolo nell’artrosi post-traumatica. Sebbene non tutti i fattori dell’osteoartrosi post-traumatica siano completamente compresi, la combinazione di danno meccanico e rilascio di citochine pro-infiammatorie (in particolare interleuchina-1 e fattore di necrosi tumorale α) sembra essere una delle principali cause del rapido sviluppo dell’osteoartrite.
È noto che lo spettro modificato delle citochine porta ad una degenerazione accelerata della cartilagine articolare e aumenta anche la reazione infiammatoria sinoviale.
A causa di questa degenerazione accelerata, il momento in cui si rende necessario un trattamento endoprotesico, in media di 62 anni, è circa dieci anni prima rispetto al caso di artrosi primaria.
Artrosi post-traumatica da fratture senza coinvolgimento articolare
Ad esempio le fratture della diafisi di un osso lungo che, successivamente, guarisce in una posizione non ideale, può provocare un disallineamento assiale delle articolazioni vicine. Tuttavia, qualsiasi disallineamento grossolano prodotto in modo casuale comporta un carico su almeno un’articolazione che non si adatta al corpo e non corrisponde alla forma normale; che poi si consuma (come nell’artrosi primaria) più velocemente del solito ed evolve in modo molto doloroso per l’artrosi post-traumatica.

Artrosi post-traumatica da fratture che coinvolgono le articolazioni

Se un trauma (come una frattura) attraversa una superficie articolare, tale lesione spesso guarisce, nonostante tutti gli sforzi, con la formazione di un gradino nell’articolazione. Ciò significa che il danno alla cartilagine è inevitabile nel prossimo futuro: se la cartilagine è consumata, l’osso articolare stesso si consuma; L’artrosi si sviluppa molto rapidamente a causa del trauma, che è subito molto doloroso e molto più veloce del normale. L’osso sfrega contro l’osso senza protezione fino a quando l’osso articolare da qualche parte non è completamente esaurito. In una sorta di “vaiolatura”, nella fase finale si forma un foro sempre crescente nella superficie articolare nuda, che si riempie di fluido.
La cisti subcondrale – sinonimo – tale artrosi causata da un grave danno all’osso articolare fino alla cavità midollare, per cui il primo nome suggerisce già una causa traumatica, mentre il secondo indica anche la normale usura articolare.

Lesioni ai legamenti del ginocchio

Le lesioni ai legamenti spesso provocano una scarsa guida nell’apparato del legamento capsulare dell’articolazione. Sotto carico, le superfici articolari possono inclinarsi l’una contro l’altra, lo strato cartilagineo viene sovraccaricato e l’usura porta all’artrosi.

Come riconoscere i sintomi

Se si sviluppano dolore e gonfiore in un’articolazione danneggiata in precedenza, può essere sintomo di un’artrosi post-traumatica. Anche le lesioni che vengono trattate rapidamente possono divampare anni dopo e causare un’usura più rapida di un’articolazione. In caso di dolore è sempre opportuno consultare immediatamente un medico di fiducia, che valuterà i sintomi in un’anamnesi dettagliata.
Attendere e ritardare i sintomi, ad esempio attraverso antidolorifici non prescritti dal medico, è fortemente sconsigliato!
L’infiammazione articolare può causare danni permanenti che possono essere riparati solo chirurgicamente.
Segni e sintomi comuni sono:

  • dolore o impotenza nell’articolazione;
  • rigonfiamento;
  • rigidità o instabilità articolare;
  • cisti o altre anomalie.

Se è presente una tolleranza inferiore per il carico del ginocchio anche e solo in determinate posizioni, è necessario consultare il medico per sicurezza.

La diagnosi

L’esame clinico è di particolare importanza. In particolare, l’ispezione delle cicatrici preesistenti e la situazione dei tessuti molli sono fondamentali per la pianificazione delle cure successive: richiede un test di stabilità differenziato e il range di movimento.
L’inserimento dell’anamnesi, ma in particolare delle operazioni precedenti e delle loro vie di accesso con eventuali materiali estranei eventualmente ancora presenti, è obbligatorio. La diagnosi radiologica include le immagini standard dell’articolazione del ginocchio e un’immagine della posizione dell’intera gamba per poter analizzare con precisione le deformità ossee e le deviazioni dell’asse. In singoli casi, un’esposizione prolungata può anche essere utile per oggettivare l’instabilità legamentosa. La diagnostica TC è consigliata, soprattutto se il consolidamento della frattura non è chiaro o per una rappresentazione più precisa dei difetti ossei. Soprattutto in caso di grandi difetti ossei, la diagnostica TC è vantaggiosa per poter pianificare le opzioni.
In caso di disallineamenti assiali complessi e in particolare di rotazione, la tomografia computerizzata può essere utile per la misurazione (pianificazione 3D).

Che tipo di terapia è utile?

Si raccomandano anche esercizi di fisioterapia per rafforzare i muscoli attorno all’articolazione del ginocchio.
Nell’artrosi post-traumatica conclamata, causata da un precedente infortunio, una sostituzione (di una parte) dell’articolazione è spesso l’ultima risorsa per ripristinare completamente la salute dell’articolazione.
Se si è verificata un’artrosi post-traumatica, gli assi naturali dell’articolazione possono essere ripristinati, se necessario, mediante un’osteotomia correttiva.
Per ripristinare un apparato legamentoso instabile, ci sono vari interventi plastici dove, ad esempio, i tendini vengono rimossi da un’altra parte del corpo e ricuciti al posto del legamento danneggiato. Per i danni traumatici alla cartilagine delle articolazioni, gli interventi sulla cartilagine articolare spesso portano solo a un miglioramento a breve termine dei sintomi.
Poiché ogni paziente è molto diverso nella sua vita quotidiana, nelle sue esigenze e nel suo quadro clinico, insieme al chirurgo è necessario trovare il percorso ideale per una qualità di vita senza dolore.

Artrosi post-traumatica del ginocchio: terapia chirurgica
L’intero trattamento dei pazienti con artrosi post-traumatica è significativamente più dispendioso in termini di tempo, complesso e soggetto a complicanze rispetto all’endoprotesi primaria. Migliorando la preparazione preoperatoria e la diagnostica delle infezioni, le complicanze precoci potrebbero essere notevolmente ridotte. Già nella preparazione preoperatoria, nella pianificazione e nell’esecuzione intraoperatoria vengono poste elevate esigenze al team chirurgico e all’intero team di trattamento. I requisiti di risorse per tali interventi (fornitura di sistemi di revisione modulari, aumento osseo allogenico, opzioni di aumento di metallo) sono significativamente più elevati.
Un aspetto importante del trattamento è la spiegazione differenziata dei pazienti per lo più giovani circa il tasso di complicanze, i tempi di inattività e il risultato funzionale previsto. Ciò è necessario per evitare aspettative esagerate e confronti con l’endoprotesi primaria.

Artrosi post-traumatica del ginocchio: fisioterapia
Chiunque soffra di artrosi del ginocchio (gonartrosi) tende a evitare l’esercizio. È particolarmente importante per le articolazioni colpite che vengano utilizzate regolarmente (ma delicatamente!).
L’obiettivo principale dei fisioterapisti è il trattamento precoce per prevenire l’usura delle articolazioni e mantenere la qualità del movimento.
Inizialmente, deve essere effettuato un esame clinico dettagliato per determinare possibili posture scorrette, squilibri muscolari e carichi errati durante il movimento. Vengono testate l’articolazione del ginocchio e le strutture adiacenti come muscoli, fascia e legamenti. Il ginocchio non può mai essere visto in modo indipendente e quindi è sempre indicata l’inclusione delle articolazioni vicine, caviglia e anca, nonché della colonna lombare. Quando è possibile, è opportuno inoltre analizzare con precisione la qualità dell’andatura e la biomeccanica.
Sulla base dei risultati di questi esami, è opportuno pianificare un programma riabilitativo specifico su misura per il problema.
All’inizio, la terapia consiste nell’alleviare i sintomi. Qui, misure come il drenaggio linfatico e le tecniche antidolorifiche dei tessuti molli, nonché le tecniche di terapia manuale sono in primo piano:

  • scarico e riposo dell’articolazione del ginocchio
  • riduzione del dolore ed eventualmente del gonfiore
  • crioterapia
  • tutori
  • bendaggi funzionali
  • kinesiotaping
  • fisioterapia strumentale
  • diatermia a bassa intensità
  • magnetoterapia a campo magnetico pulsante
  • laser ad alta energia
  • un recupero della mobilità
  • aumento del tono muscolare
  • ripristino della corretta cinematica del movimento (cammino, corsa etc)
  • propiocezione computerizzata (proboard)
  • recupero del “gesto” del cammino e/o atletico-sportivo

Il programma di riabilitazione varia e, soprattutto negli sportivi, deve essere gestito da personale qualificato e specializzato in questi tipi di patologie che possa in ogni momento cambiare approccio al fine di ottimizzare ed aggiustare il programma riabilitativo per la guarigione ottimale.
Il trattamento conservativo costituisce anche una buona strategia (trattamento pre-chirurgico) in caso di probabilità di successivo trattamento chirurgico. Il soggetto con muscolatura tonica, con propriocezione attivata, con articolazione sgonfia e non infiammata affronterà l’intervento in condizioni certo enormemente migliori e la sua successiva riabilitazione sarà più efficace e più rapida.
Non appena il carico sull’articolazione del ginocchio può essere aumentato, i fisioterapisti integrano esercizi di mobilizzazione attiva ed elaborano con un programma di allenamento individuale.
Attraverso un progressivo accumulo di esercizi di rafforzamento funzionale e allenamento sensomotorio, si ottiene il ripristino delle funzioni motorie dell’estremità interessata. Per stabilire un’andatura sicura e biomeccanicamente ottimale, bisogn lavorare anche con l’allenamento sensomotorio, propriocettivo.
Il programma di allenamento deve essere continuamente adattato alla resilienza e alle esigenze del paziente nel corso della terapia.

Prevenzione

È ovvio che la migliore prevenzione per non sviluppare una artrosi post-traumatica al ginocchio, sarebbe quella di non avere mai un trauma al ginocchio.
Ma a parte le ovvietà esistono delle regole d’oro per mantenere al meglio un ginocchio, sia sano che danneggiato in precedenza.
Poiché l’articolazione del ginocchio è costantemente esposta allo stress nella vita di tutti i giorni, è particolarmente importante adottare misure preventive e muoversi in modo delicato per l’articolazione. Ciò riguarda la pratica di un comportamento rispettoso del ginocchio con misure e regole semplici, integrato con un programma di ginnastica che aiuta ad allenare determinati gruppi muscolari e quindi a proteggere l’articolazione del ginocchio attraverso la forza muscolare e alleviarla dal carico.

  • Movimento
  • Diminuire il peso corporeo in base al BMI
  • Alleviare l’articolazione del ginocchio
  • Non trasportare carichi pesanti
  • Evitare di stare seduti o in piedi a lungo
  • Indossare scarpe con tacco piatto, comode ed adatte al tipo di appoggio
  • Fare solo sport a misura di ginocchio
  • Allenare i muscoli delle gambe ogni giorno

In conclusione si può riassumere il tutto in:“muoversi molto, sforzarsi poco!”

Potrebbe interessarti anche

tutore (1)
Gli infortuni e la guarigione

Tutori: caratteristiche e tipologie

Un tutore è un ausilio medico: “un dispositivo esterno progettato per influenzare le proprietà strutturali e funzionali del sistema neuromuscolare e scheletrico”. I tutori e le ortesi stabilizzanti rappresentano dispositivi ortopedici utilizzati per affrontare problemi articolari e disfunzioni su aree più estese del corpo. Sono concepiti per alleviare il dolore derivante da sovraccarichi, lesioni, interventi […] leggi
lombalgia
Gli infortuni e la guarigione

Lombalgia: cos’è e come si cura?

Il mal di schiena nella zona lombare rappresenta uno dei disturbi muscolo-scheletrici più diffusi. Esploriamo insieme le sue origini e sintomi al fine di prevenirlo e gestirlo in modo adeguato. leggi
ginocchio
Gli infortuni e la guarigione

Stiramento muscolare alla coscia: come riconoscerlo e cosa fare?

I muscoli posteriori delle cosce sono soggetti a tensioni durante la corsa. Un adeguato allenamento di flessibilità può aiutare a prevenirle. leggi
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Apply Coupon
      Available Coupons
      aics23 Get 20% off Codice Sconto soci AICS
      six30 Get 30% off Codice sconto che gestisce direttamente Sixtus
      start5 Get 5% off Automation mail marketing - Carrello abbandonato
      team5 Get 5% off Codice sconto inserito all'interno del pacco per i clienti che hanno effettuato l'ordine
      virtus10 Get 10% off
      welcome5 Get 5% off Automation mail marketing - Welcome mail
      Unavailable Coupons
      osteomm Get 10% off Codice sconto Marialuisa Morelli Osteopata
      plab10 Get 10% off PerformanceLAB
      sixtus10 Get 10% off coupon da inserire in diversi pacchi gara
      student15 Get 15% off Sconto Activforce per studenti universitari