Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

Lo strappo muscolare alla schiena: cosa aspettarsi

strappo muscolare schiena

Uno strappo muscolare è una soluzione di continuo del muscolo in cui si rompono da un minimo di  singole parti della fibra muscolare fino all'intero muscolo. Nella maggior parte dei casi, più fibre muscolari dello stesso muscolo si lesionano contemporaneamente, e sono sempre accompagnate da un sanguinamento visibile nell'area interessata.

Viene fatta una distinzione tra sanguinamento intramuscolare e intermuscolare:

  • emorragia intramuscolare: sanguina localmente in una fascia muscolare senza che il sangue possa diffondersi ulteriormente. Questo comprime l'area muscolare corrispondente, in modo che il movimento sia limitato per diversi giorni a seguire. A differenza del sanguinamento intermuscolare, il sanguinamento intramuscolare può essere visto direttamente nell'area interessata;
  • emorragia intermuscolare si viene a formare più distalmente, poiché il sangue scorre tra i singoli gruppi muscolari ("inter"). In questo caso il gonfiore è piuttosto limitato, poiché il volume può essere ben distribuito.

Lo strappo muscolare alla schiena: cause

Lo strappo muscolare è spesso un infortunio sportivo, poiché solo carichi pesanti possono lesionare una parte della fibra muscolare fino all'intero muscolo. Tutti i gruppi muscolari più grandi come quelli che si trovano sulle cosce o sulle gambe, e in particolare i muscoli del polpaccio, sono interessati da un tale evento. Tuttavia, una lesione muscolare strappata può verificarsi nella schiena, anche se questo evento è molto meno comune.

Di solito carichi elevati o allungamenti eccessivi quando i muscoli non sono sufficientemente riscaldati, sono i principali responsabili delle lesioni muscolari. In rari casi, tuttavia, la violenza esterna può causare contrattura, stiramenti o persino strappi muscolari.

I seguenti fattori sono spesso coinvolti nello sviluppo di contratturre e/o strappi muscolari di varia entità:

  • Squilibrio statico o muscolare della colonna vertebrale o delle estremità.
  • Superlavoro e affaticamento dei muscoli a causa di richieste eccessive
  • Tempo sfavorevole (pioggia e freddo) durante l'attività sportiva.
  • Insufficiente elasticità dei muscoli.
  • Lesioni precedenti che non si sono rimarginate, "trascurate".

In caso di strappi nelle fibre muscolari o anche in interi fasci muscolari, rare volte si è verificata violenza diretta su un muscolo allungato, ad esempio in un incidente o in caso di urto con un altro giocatore durante la pratica sportiva.

Il doping, in particolare degli steroidi anabolizzanti, facilita anche le lesione muscolari, poiché la massa muscolare aumenta rapidamente in modo innaturale. Anche l'uso continuato di alcuni farmaci, antibiotici o analgesici comuni, sembra che possano facilitare l'insorgere di lesioni muscolari.

Una fibra muscolare lesionata si verifica quando un muscolo è estremamente allungato a causa di uno stress forte e improvviso: le singole fibre muscolari sono costituite da molte miofibrille, che assicurano la contrazione tramite altre piccole unità funzionali e tollerano solo un certo grado di stiramento e compressione. Le parti delle fibre muscolari nell'area di transizione verso un tendine sono molto più frequentemente interessate da una lesione.

Oltre al sovraccarico improvviso, il rischio di lesione della fibra muscolare può aumentare nel lungo periodo a causa di un riscaldamento errato o insufficiente e di sequenze di movimenti non fisiologici o di una esecuzione non corretta e reiterata dell'esercizio. Inoltre l'affaticamento muscolare e la difficoltà di un soggetto ad allungare i propri muscoli, dovrebbero essere considerati anche come fattori di rischio per una lesione muscolare.

I muscoli della schiena, in particolare, spesso non vengono allenati a sufficienza e/o non vengono utilizzati. L'irritazione continua può alla fine causare il superamento della soglia di tolleranza e la lesione di una fibra muscolare perché i muscoli non sono più in grado di sopportare il carico. Ad esempio, sollevare oggetti pesanti semplicemente tirandoli su con la colonna vertebrale flessa,  invece di utilizzare gli arti inferiori, è un movimento classico che propende alla lesione di una fibra muscolare nel lungo periodo.

Lo strappo muscolare alla schiena: sintomatologia

Il sintomo classico è il dolore che si manifesta contemporaneamente alla lesione della fibra muscolare, che è caratterizzato da trafittura a trazione ed è spesso paragonato a un "colpo di frusta" o una "coltellata da dietro alla schiena".

L'intensità del dolore può variare a seconda di quante fibre muscolari sono strappate: più il dolore è acuto, più è di solito associato a mobilità limitata e debolezza muscolare. Oltre a questo, c'è anche maggior “morbidezza” alla pressione del tessuto lesionato rispetto alla zona circostante. Si presenta inoltre anche maggior dolore durante l'allungamento e la tensione del muscolo e può essere facilmente localizzato da chi ne è affetto.

Rispetto al dolore di uno stiramento muscolare, quello della lesione della fibra muscolare è più forte. Se si tratta di una piccola lesione della fibra muscolare, non è raro che le persone colpite non se ne accorgano affatto.

Non solo l'intensità del dolore varia con il numero di fibre muscolari lesionate, ma anche i sintomi dell'impotenza funzionale indica l'entità del danno. Se viene lesionata una piccola parte di un muscolo della schiena, la funzionalità può essere completamente mantenuta. Tuttavia, se la lesione della fibra muscolare è ingente, è del tutto possibile che la persona interessata abbia difficoltà ad attivare il muscolo perché la contrattilità non è più garantita ed è quindi impossibilitato a muoversi.

Dopo la lesione della fibra muscolare, si forma un leggero gonfiore e/o un ematoma nell'area interessata e si verifica una reazione infiammatoria.

Le lesioni muscolari nei gruppi dei  muscoli estensori della colonna molto “scomode” e invalidanti,  perché questi muscoli sono coinvolti nella maggior parte dei nostri movimenti quotidiani; inoltre non potendo vedere il danno, psicologicamente viene percepito come più intenso di quanto non lo sia realmente.

Gli estensori della schiena sono un gruppo di muscoli responsabili del posizione eretta della colonna vertebrale, nonché della rotazione e dell'inclinazione laterale. Le fibre muscolari lesionate negli estensori della schiena possono derivare da un brusco movimento nelle tre direzioni dello spazio o dal sollevamento da una posizione scomoda. Come per tutte le lesioni delle fibre muscolari, la cosiddetta regola RICE o PRICE  si applica anche alle lesioni dei gruppi muscolari della schiena. La persona colpita dovrebbe assolutamente prendersela comoda e dare ai suoi muscoli il tempo di rigenerarsi.

Lo strappo muscolare alla schiena: diagnosi

La diagnosi di una lacerazione della fibra muscolare è relativamente semplice, poiché il paziente di solito può spiegare il motivo e il decorso della lesione. Sulla base di sintomi clinici come dolore, gonfiore, ecchimosi e una leggera diminuzione della contrattilità dei muscoli interessati, il medico spesso fa la diagnosi di uno strappo muscolare senza ulteriore assistenza diagnostica. In caso di dubbio, è possibile eseguire la diagnostica ecografica oltre a una discussione dettagliata dell'anamnesi e all'esame obiettivo.

Lo strappo muscolare alla schiena: trattamento

In caso di lesione di una fibra muscolare della schiena, è importante interrompere immediatamente il movimento e lo sforzo dei muscoli interessati. Quindi è utile raffreddare il più rapidamente possibile la parte con crioterapia: prima si raffredda, maggiori sono le possibilità di recupero. In caso di lesione di una fibra muscolare è utile anche la cosiddetta “terapia PRICE”.

PRICE è l'abbreviazione di 5 misure da prendere in caso di rottura di una fibra muscolare: 

  • P sta per protezione,
  • R ste per riposo,
  • I per Ice ovvero per ghiaccio,
  • C per compressione
  • E per posizione elevata.

Ciò significa che subito dopo la lesione della fibra muscolare, il paziente deve essere immobilizzato immediatamente, ovvero mettendo in pausa l'attività. Successivamente, è importante raffreddare con impacchi di ghiaccio o ghiaccio spray per ridurre il gonfiore e ridurre l'infiammazione, seguito dall'applicazione di un bendaggio compressivo per prevenire ulteriori sanguinamenti. Infine, la struttura interessata dovrebbe essere elevata, idealmente al di sopra del livello del cuore.

Se c'è una fibra muscolare lesionata sulla schiena, le ultime due misure hanno meno probabilità di essere implementate. A seconda di quali parti di muscolo della schiena sono interessate dalla lesione, a volte può essere applicato un bendaggio compressivo. Poiché la schiena non è un'estremità che può essere semplicemente sollevata, questo punto non si applica in caso di lesione  muscolare sulla schiena.

Il processo di guarigione può richiedere da 3 a 12 settimane. Durante questo periodo è importante prendersi cura del muscolo, poiché è ancora più soggetto alla recidiva della lesione se è danneggiato. In linea di principio, la terapia conservativa è sufficiente e le persone colpite devono aspettare pazientemente e solo allora riabituarsi al muscolo attraverso uno stress leggero. I bendaggi Kinesiotaping possono aiutare ad alleviare l'area muscolare interessata e rafforzare i muscoli vicini.

Se viene rilevata una lesione muscolare di III grado), potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. L'edema risultante viene rimosso per evitare che il calcio circolante si accumuli nella zona a formare calcificazioni intramuscolari, che rendono deficitaria la funzione muscolare. Se molte fibre muscolari vengono recise, devono essere suturate mediante un'operazione chirurgica per accelerare o ottenere la guarigione.

Il fisioterapista può utilizzare tutte le tecniche di rilassamento muscolare manuali o tramite l'ausilio di elettromedicali:

Eccezion fatta per crioterapia, taping, kinesiotaping e di diatermia a freddo nelle prime fasi post lesione o post intervento, la maggior parte dell'intervento fisioterapico dovrebbe iniziare sempre e comunque dopo almeno 48-72 ore dalla lesione.

Inoltre importante dosare le fasi del recupero muscolare e del riallenamento muscolare, oltre a mantenere (in caso di sportivi) un buon tono muscolare per i muscoli non interessati e in generale un buon allenamento cardiorespiratorio.

Kinesiotaping di una lesione muscolare alla schiena 

Una fibra muscolare lesionata sulla schiena può essere aiutata a guarire con un adeguato bendaggio muscolare. La procedura di taping è da considerarsi come supporto ad altri trattamenti.

Il trattamento non è stato scientificamente provato, ma mostra buoni risultati in molti pazienti. Lo scopo del kinesotaping è quello di alleviare lo stress e la tensione ai muscoli, in questo caso i muscoli della schiena.

Se ci sono sintomi di una lesione nella parte superiore della schiena (colonna toracica), di solito vengono attaccati tre nastri. Due nastri a sinistra e a destra della colonna toracica e il terzo orizzontalmente a livello della metà dei primi due nastri, dove il centro dovrebbe rappresentare il punto di dolore massimo. Per il taping, il paziente assume una posizione curva con la schiena curva in modo che i muscoli della schiena siano allungati al massimo.

Se la colonna lombare è interessata dallo lesione muscolare, i nastri sono spesso fissati a forma di stella (quattro strisce di nastro). In questo caso, il dolore massimo è nel mezzo della formazione stellare.

Prevenzione: cosa riduce il rischio di strappi muscolari e affaticamento muscolare?

Esistono modi per gli atleti per ridurre il rischio di strappi muscolari e strappi delle fibre muscolari:

  • Evitare le partenze a freddo.
  • Fermarsi immediatamente in caso di dolore.
  • Controllare il tipo allenamento: può essere utile controllare, la statica del corpo e le sequenze di movimenti per carichi unilaterali, ad esempio sotto la guida di un allenatore esperto. Gli esercizi sfavorevoli dovrebbero essere sostituiti da altre forme di esercizio.
  • Utile inserire anche uno specifico programma di rinforzo e stretching muscolare globale, non solo diretto allo sport praticato.
  • Controllare le scarpe sportive.
  • Evitare il sovraccarico: uno stress muscolare eccessivo può causare lesioni muscolari. Le aree particolarmente a rischio possono essere eventualmente supportate in modo specifico da bendaggi , kinesiotaping o tutori.
  • Rivolgersi al medico e al fisioterapista nel caso di utilizzo prolungato di farmaci o infezioni, per sapere quando e come ricominciare gli allenamenti.