Come recuperare la forza muscolare dopo un infortunio

recuperare forza muscolare

I muscoli devono essere costantemente allenati per non perdere tono o lesionarsi (atrofia). In caso di infortunio, tuttavia, è spesso indicato un riposo rigoroso, che porta a una grande perdita di massa e forza muscolare. L'allenamento della forza muscolare mirata dopo gli infortuni è quindi essenziale sia per stabilizzare l'articolazione che per il totale recupero funzionale.

Basta una settimana in un gesso o in un'ortesi fissa per perdere fino all'80% della forza muscolare, perché anche senza allenamento, i muscoli sono costantemente in azione nella vita di tutti i giorni. L'immobilizzazione evita tutti questi movimenti quotidiani e il muscolo perde tutte le richieste anche basiche. È quindi normale che la forza venga persa dopo un'operazione o un infortunio, ma è anche chiaro che i muscoli devono essere allenati di nuovo. È importante prestare attenzione al processo riabilitativo sportivo mirato per ottenere i risultati più rapidi possibili.

L'esercizio fisico è una parte essenziale del processo di riabilitazione per la maggior parte degli infortuni sportivi. L'idea che un atleta sia completamente guarito una volta terminati i trattamenti sul lettino del terapista è obsoleta. Quando gli atleti sono in mano ai fisioterapisti, vengono sottoposti a specifici esercizi di rafforzamento, di mobilità e di flessibilità oltre a una serie di trattamenti fisioterapici specifici.

Gli esercizi terapeutici fanno parte di programmi di riabilitazione per garantire che l'area lesa sia di nuovo completamente funzionante e/o per garantire che ciò che originariamente ha causato l'infortunio venga eliminato.

Ad esempio, un atleta che si sta riprendendo da un gomito del tennista dovrà rafforzare i muscoli estensori del polso per evitare che la lesione si ripresenti. Rispetto ai muscoli flessori del polso, i muscoli estensori sono spesso deboli e quindi soggetti a un uso eccessivo. Oppure, un atleta che si sta riprendendo da uno stiramento sulla parte posteriore della coscia dovrebbe allungare e rafforzare il muscolo del tendine del ginocchio infortunato per garantire che la mobilità e la forza rimangano le stesse sul lato infortunato e quello sano. Poiché l'esercizio è essenziale per il processo di riabilitazione, i preparatori atletici devono capire che hanno un ruolo fondamentale da svolgere nell'aiutare i loro atleti a tornare alla perfetta forma fisica.

Primo soccorso

Se l'atleta subisce qualche tipo di "incidente", ad esempio, se ha uno stiramento sulla parte posteriore della coscia o una distorsione di caviglia, l'allenatore può aiutarlo fornendo le misure di primo soccorso corrette. La ben nota regola RICE (riposo, ghiaccio, compressione, elevazione) dovrebbe essere sempre seguita:

  • immobilizzare immediatamente la parte del corpo lesa;
  • raffreddare il sito della lesione con ghiaccio;
  • applicare una benda di compressione sulla zona lesa
  • posizionare se possibile la parte lesionata del corpo in una posizione elevata.

Questo processo aiuterà a ridurre il dolore e controllare l'infiammazione e il gonfiore. Se fatto rapidamente, può aiutare ad accelerare i tempi di guarigione. In caso di lesioni più gravi o fratture ossee, ad esempio una frattura, solo quelli con una formazione adeguata dovrebbero tentare un trattamento di primo soccorso.

Se la lesione è "cronica", ad esempio la sindrome compartimentale anteriore della gamba o il gomito del tennista, si è verificata perché l'area lesa era sovraccaricata durante il programma di esercizi dell'atleta. Il trainer deve reagire immediatamente e interrompere l'allenamento per evitare ulteriori danni. Ricorda, prima l'atleta si ferma, più velocemente si riprende.

Diagnosi e trattamento

Il passo successivo nella gestione degli infortuni è ottenere una diagnosi accurata degli infortuni. È qui che spesso può andare storto per l'atleta in quanto può facilmente ottenere una diagnosi errata e quindi perdere tempo a seguito di un piano di trattamento inadeguato. È bene rivolgersi a uno specialista in infortuni sportivi come medici o fisioterapisti sportivi, poiché si occupano regolarmente di tali lesioni che non a medici di base o chirurghi ortopedici poiché non sono sempre specialisti in infortuni sportivi ma spesso si occupano di pazienti generici.

Lo specialista degli infortuni sportivi pianifica e poi esegue le cure necessarie. Di solito, la fase iniziale del trattamento prevede l'alleviamento del dolore e la promozione della guarigione. Una volta che il dolore e il gonfiore sono stati alleviati, il trattamento inizierà a includere più esercizio. A questo punto il fisioterapista predisporrà esercizi per affrontare obiettivi specifici che aiuteranno a risolvere i problemi dell'atleta. Questo è probabilmente un allenamento di agilità e mobilità all'inizio, per poi allenare la forza in seguito. Qui fisioterapisti e preparatori possono lavorare insieme.

Quando iniziare a fare esercizio

A seconda del tipo di lesione o operazione precedente, è necessario prestare attenzione ad alcuni punti durante l'allenamento. Riposare per settimane era all'ordine del giorno fino a qualche anno fa. Oggi si cerca di riattivare le articolazioni e le estremità infortunate il prima possibile per prevenire danni da immobilizzazione. A seconda della lesione, la prima visita in fisioterapia può essere prevista dopo pochi giorni o settimane. I primi esercizi di movimento dovrebbero impedire alle articolazioni di "arrugginirsi" e fermare presto la perdita di tono muscolare. Quando il processo di guarigione è completo, si può  ricominciare con un allenamento indipendente. Il medico decide in quale momento è possibile caricare di nuovo un'articolazione infortunata o operata.

Allenamento alternativo

Gli atleti possono allenarsi anche se sono infortunati. Ciò significa che dovrebbero essere utilizzati altri tipi di allenamento o metodi di allenamento che non stressino la lesione. Uno degli obiettivi principali del processo di riabilitazione è mantenere i livelli di forma fisica aerobica utilizzando metodi di allenamento alternativi, che dovrebbero iniziare il prima possibile. Invece di correre, gli atleti possono provare a fare jogging in acqua o andare in bicicletta, ad esempio.Oltre a mantenere la forma aerobica, l'atleta può utilizzare la fase di infortunio come un modo per rafforzare altre parti del corpo. Ad esempio, un giocatore di calcio con un problema all'inguine può utilizzare il tempo di infortunio per migliorare la forza di gambe, busto e parte superiore del corpo. Spetta al preparatore determinare un programma di forza adatto e innocuo per l'atleta infortunato.

Stabilizzazione muscolare dopo una lesione

Gli infortuni sportivi spesso portano a lesione dei legamenti e/o dei muscoli specialmente nella caviglia e nel ginocchio (legamento collaterale o crociato). La chirurgia è necessaria in pazienti molto sportivi o se diversi legamenti sono lesionati. In ogni caso i muscoli dell'articolazione possono e devono essere stabilizzati.

Di norma, tutti gli esercizi di rafforzamento classici sono adatti a questo scopo, sebbene gli esercizi con componenti di grande equilibrio/coordinazione, pur importanti, dovrebbero essere adattati o evitati inizialmente sulla struttura infortunata.

Attrezzatura adatta per il recupero della forza muscolare:

  • elettrostimolatori (EMS) per rallentare il decadimento muscolare;
  • vibrazioni meccaniche
  • esercizi isometrici con o senza resistenza
  • esercizi isotonici con o senza resistenza
  • esercizi con teconologia inerziale 
  • esercizi eccentrici o isocinetici senza o con resistenza elastica o meccanica
  • cuscini e tavole propiocettive
  • attrezzature da palestra isotoniche

 

Se il periodo di riposo per la struttura lesionata è terminato, di solito si può iniziare l'allenamento della forza e della coordinazione propriocettiva con l'ausilio di tutori, bendaggi funzionali o kinesiotaping.

Ritorno graduale all'allenamento completo

Una volta che il dolore è passato e l'atleta ha iniziato a raggiungere gli obiettivi di agilità e forza, il fisioterapista sarà in grado di consigliare quando riprendere il normale esercizio. Questo è il punto in cui è molto importante una comunicazione chiara tra terapista, allenatore e atleta. Uno dei motivi principali per cui gli atleti hanno un infortunio ricorrente è perché hanno ricominciato ad allenarsi duramente troppo presto. Quello che spesso non è chiaro è che solo perché la parte lesionata del corpo è indolore non significa che sia perfettamente in forma.

Non appena l'atleta può utilizzare la parte del corpo lesionata, deve riacquistare gradualmente la resistenza, la forza e la coordinazione di quella parte in modo che possa resistere a condizioni competitive. Mentre l'obiettivo in precedenza era quello di curare l'infortunio, l'obiettivo in questa fase del processo di riabilitazione è quello di ripristinare la piena funzionalità. Per ottenere ciò, il programma di riabilitazione deve essere adattato allo sport dell'atleta. Per i calciatori infortunati, ad esempio, gli esercizi di forza dovrebbero essere movimenti funzionalmente correlati al loro sport, come squat con una gamba sola, salti ed esercizi di velocità.

Il programma deve includere anche l'allenamento propriocettivo e di coordinazione, che è molto importante perché l'atleta allena il suo senso dell'equilibrio attraverso l'allenamento della coordinazione e riceve impressioni della rispettiva posizione delle articolazioni durante determinati movimenti. Il cervello ha bisogno di sapere esattamente in quale posizione si trovano le articolazioni in modo che i movimenti possano essere fluidi ed efficaci. Dopo una fase di infortunio, soprattutto con lesioni articolari, l'atleta può spesso perdere questa capacità. Qualsiasi deficit in quest'area, se non viene svolto un allenamento di recupero, rischia di causare la recidiva dell'infortunio.

Questo è il motivo per cui esercizi come

sono importanti per allenare la coordinazione persa.

Il programma di riabilitazione deve essere tanto specifico per lo sport quanto progressivo.

La fase finale

Un buon esempio della necessità di questa fase finale del processo di riabilitazione è un calciatore che si sta riprendendo da un infortunio alla coscia.

  1. Il giocatore ha completato un periodo di trattamento di successo e la flessibilità dei muscoli della coscia è la stessa su entrambi i lati, così come la loro forza dei muscoli ischiocrurali al test isocinetico o al test di forza dinamometrico Activ Force 
    • Il giocatore può ora fare jogging senza dolore anche se, quando cerca di giocare a calcio, le sue cosce si sentono deboli.
    • A questo punto, il giocatore deve aumentare lentamente l'allenamento e incorporare esercizi più specializzati per effettuare una transizione dalla guarigione della parte lesa al ripristino della sua piena funzionalità. Per fare ciò, il giocatore deve aumentare gradualmente la quantità di corsa che può eseguire, così come deve aumentare lentamente il ritmo.
    • Prima deve partire con sprint a metà velocità, poi 3/4 del ritmo, fino a quando non aumenta gradualmente fino a pieno carico.

2. Il giocatore deve inoltre incorporare esercizi di forza a catena più chiusa che coinvolgono più articolazioni