Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

Le microfratture da stress: come riconoscerle e cosa fare

microfratture da stress

Nonostante la loro eccezionale resistenza, le nostre ossa sono elementi di supporto relativamente elastici, che possono adattarsi ai rispettivi carichi in modo 10-20 volte più flessibile rispetto ai montanti in acciaio nei grattacieli.

Oltre all'acqua, le ossa sono costituite per circa Il 50% di sali di calcio e materiali organici (soprattutto collagene). Entrambi i materiali da costruzione sono formati dalle cellule ossee (osteoblasti e fibroblasti), che costantemente si accumulano, distruggono le cellule degenerate per apoptosi e, fino alla vecchiaia, le rinnovano. Grazie a questa proprietà, l'osso è in grado di rigenerarsi molto meglio della cartilagine o del tessuto tendineo.

Una microfrattura da stress è definita come “una frattura da stress di osso sano a carico ripetitivo submassimale”.

Va quindi distinto da una frattura da insufficienza, che si verifica quando la densità e la struttura dell'osso sono anormali, e da una frattura patologica, che si verifica a seguito della crescita tumorale.

Per la prima volta la frattura da stress fu descritta da Breithaupt sul giornale medico nel 1855. Descrisse le fratture nei soldati prussiani sul 5° metatarso dopo lunghe marce, motivo per cui le fratture di questo tipo sono anche chiamate fratture della marcia. I soldati rappresentano il primo gruppo a subire tipicamente fratture da stress. I secondi sono gli atleti, in particolare i corridori di lunga distanza o velocisti. In uno studio prospettico di coorte su studenti di educazione fisica in 12 mesi, il 21% dei corridori di lunga distanza è stato colpito da una microfrattura da stress.

Eziopatogenesi delle microfratture da stress

L'elevata capacità rigenerativa delle nostre ossa può anche essere sovraccaricata:

  • se le intensità di allenamento vengono aumentate troppo rapidamente,
  • se il carico è generalmente troppo elevato (sovrappeso, lavoro troppo pesante),
  • se si indossano scarpe sbagliate,
  • se la sostanza ossea è troppo morbida a causa di malattie interne:
    • osteoporosi,
    • carenza di vitamina D,
    • carenza di estrogeni in anoressia;

in questi casi il tessuto osseo non è più in grado di guarire abbastanza rapidamente dalle ripetute microlesioni al tessuto osseo causate da stimoli di allenamento eccessivi. Prima che le cellule ossee possano riparare le fratture microscopiche, si verificano ulteriori microfratture dovute a un successivo allenamento troppo precoce, che insieme portano a una microfrattura da stress.

Nel caso di una frattura da stress (o frattura da fatica), una linea di frattura continua ha già attraversato l'osso, che diventa a questo punto instabile e doloroso.

Contrariamente a una frattura traumatica, l'osso si rompe raramente, ma sull'imaging è anche in questi casi possibile vedere una linea di frattura. Le fasi preliminari in cui non è possibile vedere una linea di frattura continua sono chiamate reazioni da stress osseo.

Siti ossei più interessati dalle microfratture da stress

Le microfratture da fatica colpiscono principalmente gli arti inferiori poiché su di essi agiscono forze molto più elevate rispetto alla colonna vertebrale ma soprattutto agli arti superiori. In generale, le aree soggette a forze di trazione o di peso elevate (ossa del piede, collo del femore all'anca, condili femorali anteriormente, bordo anteriore della tibia) sono tra le fratture da stress ad alto rischio e sono anche quelle che creano più problematiche.

Viene fatta una distinzione fondamentale tra microfratture da stress ad alto rischio e a basso rischio. La distinzione riguarda il rischio che la microfrattura da stress non sia più in grado di guarire da sola e possa addirittura evolvere in una frattura completa. 

Sintomi delle microfratture da stress 

Inizialmente in una microfrattura da stress il dolore si verifica solo sotto carico e migliora con una pausa dall'attività o dallo sport e non è ancora evidente con la normale camminata. Un leggero gonfiore può formarsi intorno all'area interessata nella regione tibiale o sul piede. In caso di frattura conclamata da stress, la zona interessata fa già male quando si cammina normalmente e talvolta anche a riposo.

Diagnosi di una microfrattura da stress 

Oltre ad un'anamnesi esatta (quando, come, dove?), che interroga anche su abitudini alimentari e problemi ormonali, viene effettuato un preciso esame clinico per registrare la regione interessata e individuare possibili diagnosi differenziali (malattie articolari , muscoli e tendini). I raggi X ed ecografia (soprattutto sul piede) sono standard. La risonanza magnetica e la TC possono completare la diagnosi. Esistono classificazioni che aiutano a valutare la gravità della risposta allo stress osseo. I test di laboratorio possono identificare ragioni specifiche per il rammollimento osseo.

Fisioterapicamente un'analisi del cammino e della postura, possono rilevare malposizioni funzionali.

Terapia di una microfrattura da stress 

In generale, è importante correggere gli errori nutrizionali (carenza di vitamina C e calcio). Una carenza di vitamina D deve essere compensata e anche l'osteoporosi deve essere trattata con farmaci secondo le linee guida.

Tra le misure fisioterapiche, la terapia con onde d'urto è particolarmente importante, poiché l'uso di onde d'urto extracorporee può accelerare la guarigione del corpo dalle microfratture da stress.

In caso di malposizioni dell'asse delle gambe o del piede (es. piedi piatti, pronati ad esempio), è utile un preciso e professionale percorso fisioterapico: le reazioni ossee allo stress nelle regioni ossee a basso rischio richiedono una riduzione/adattamento del carico di esercizio, fino a una dispensa temporanea dall'attività o dall'esercizio.

Le fratture da stress richiedono diverse settimane di scarico completo/parziale dal carico, con l'aiuto di stampelle in combinazione, ad esempio, con un gesso o l'immobilizzazione di un'ortesi.

Nelle fratture da stress ad alto rischio, c'è un alto tasso di fallimento con le terapie di cui sopra. Le fratture da stress nelle seguenti posizioni appartengono al gruppo ad alto rischio:

  • Collo del femore
  • Bordo anteriore della diafisi femorale e tibiale
  • Caviglia interna
  • Navicolare (osso del tarso)
  • V Metatarso
  • Sesamoide mediale

Tali microfratture da stress ad alto rischio spesso non guariscono in modo stabile con la terapia conservativa, motivo per cui la stabilizzazione chirurgica dell'osso indebolito deve essere discussa con l'ortopedico in una fase iniziale. Questo è tanto più vero per gli atleti professionisti, ma anche per le persone con un lavoro fisico pesante, poiché il fallimento della terapia conservativa può comportare mesi di incapacità di esercizio e lavoro.