Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

Microfratture da stress nel piede

microfrattura da stress piede

La microfrattura da stress (o da fatica) è una forma speciale di frattura ossea che si verifica a causa di stress ripetitivo. Viene anche chiamata microfrattura da stress o frattura da marcia. Il sovraccarico meccanico permanente provoca danni alla sostanza ossea, che non possono più essere compensati dai processi di riparazione del corpo.

Un tipico esempio di un paziente con una microfrattura da stress è il corridore che aumenta significativamente il suo volume di allenamento a causa di una maratona imminente. La sua resistenza fisica, la forza muscolare e la circolazione dipendono dall'aumento del carico di lavoro di allenamento dell'atleta, mentre i tendini e le ossa si adattano solo lentamente. Improvvisamente il corridore avverte un dolore lancinante nel metatarso. In questo caso, l'ortopedico la considera una microfrattura da stress, supportato da esami di imaging che mostrano cambiamenti tipici nel metatarso: l'edema osseo (ritenzione idrica) è prima visibile, successivamente la reazione allo stress può essere vista anche nella sostanza ossea danneggiata (classica rima di frattura).

Sebbene il piede non sia stato danneggiato da violenze esterne, potrebbe esserci una microfrattura parziale o totale. Nella maggior parte dei casi, gli specialisti del piede trattano una microfrattura da stress in modo conservativo scaricando e immobilizzando. L'intervento chirurgico è necessario solo in casi eccezionali.

Cos'è una microfrattura da stress nel piede

Una microfrattura da stress nel piede si verifica quando un osso nel tarso o nel metatarso è parzialmente o completamente fratturato a causa di uno stress eccessivo. In molti casi, il trigger è un aumento dell'allenamento in connessione con movimenti ripetuti frequentemente come ad esempio durante la corsa. L'osso subisce un danno strutturale che non può più essere riparato dalle cellule che lo formano (osteoblasti).

Circa il 2% di tutti gli infortuni sportivi è dovuto a una frattura o microfrattura da stress. Tuttavia, una ridotta resilienza dell'osso a causa di uno squilibrio metabolico o nel contesto di malposizionamenti e posture errate o antalgiche possono favorire anche le microfratture da fatica.

Le microfratture da stress sono comuni negli escursionisti inesperti e nelle reclute all'inizio del servizio militare. Una microfrattura da fatica dell'osso metatarsale viene quindi definita anche frattura da marcia. Il risultato della frattura di marcia è il tipico dolore metatarsale lancinante o sordo (metatarsalgia). La resilienza del piede diminuisce, camminare fa male senza una causa esternamente riconoscibile. La distanza percorribile massima delle persone colpite è significativamente ridotta fino a quando la microfrattura da stress non è completamente guarita.

Gambe e piedi in particolare risentono di microlesioni dovute all'uso eccessivo e alle conseguenti microfratture da fatica. In primo luogo, il corpo ripara il danno. Se poi compaiono di nuovo sottili crepe a causa di uno stress persistente, l'osso precedentemente danneggiato verrà nuovamente danneggiato. L'equilibrio tra formazione ossea e rottura è disturbato e ad un certo punto il sistema di riparazione del corpo non riesce più a tenere il passo. Come reazione allo stress, l'osso immagazzina inizialmente acqua (edema osseo) prima che la sostanza ossea interna (spongiosa) e successivamente anche la copertura ossea protettiva (osso corticale) siano danneggiate. Le reazioni allo stress dell'osso provocano una microfrattura da stress.

Sintomi di una microfrattura da stress del piede

Le microfratture da stress spesso provocano dolore e un minimo gonfiore nell'area interessata.

Anche la resilienza può essere ridotta. Alcuni dei pazienti sono persino completamente incapaci di sopportare il peso e di muoversi, poiché le microfrattura da fatica si verificano più frequentemente sulla gamba o sul piede.

In linea di principio, una microfrattura da stress può verificarsi in tutte le ossa e articolazioni degli arti inferiori (es. ginocchia) o nella zona dell'anca e delle articolazioni sacro-iliache della colonna vertebrale. Nella maggior parte dei pazienti, tuttavia, la microfrattura da stress è nella tibia (tibia) o nel piede.

I sintomi tipici di una microfrattura da stress sono:

- dolore metatarsale opaco, a sviluppo graduale (metatarsalgia);

- nella fase avanzata, dolore lancinante al metatarso;

- dolore dipendente dal carico quando si effettua la “rullata” del piede;

- gonfiore nell'avampiede.

Se la microfrattura da stress è il risultato del sovrallenamento, il dolore può iniziare insidiosamente e aumentare lentamente. Più ti alleni, più pronunciati diventano i sintomi e la persona interessata diventa sempre più incapace di allenarsi.

Quando consultare un medico

A seconda della posizione, vari sintomi possono indicare lo sviluppo di una microfrattura da stress in una fase iniziale. Quando c'è una minaccia di microfrattura del piede, i pazienti riferiscono di avere dolori all'interno o all'esterno della parte laterale del piede. Il dolore peggiora con lo sforzo. Questi disturbi non specifici sono inizialmente indistinguibili da irritazione periostale o tendini sovraccarichi. L'allenamento per la corsa di solito è ancora possibile in questa fase. Il dolore permanente, che viene descritto come sordo o fastidioso, può verificarsi solo se il carico di allenamento aumenta senza immobilizzazione. Un ulteriore caricamento non è più possibile.

Dove si verificano più comunemente le microfratture da stress

Le microfratture da fatica non sono rare tra gli atleti professionisti e amatoriali. Qui si trovano principalmente nella tibia, sulle ossa metatarsali o sulle ossa tarsali.

La microfrattura da stress al piede

Nell'area del piede si verificano microfratture da stress ai metatarsi o al tarso. L'osso del tallone (calcagno) in particolare può subire una microfrattura da stress se viene applicato un peso corporeo eccessivo. La microfrattura di solito si manifesta come edema osseo o come linee di frattura visibili. Il tallone reagisce quindi in modo sensibile alla pressione e fa male quando si muove.

La maggior parte delle microfratture da stress del piede si verifica in persone giovani fisicamente attive di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Il danno osseo alla piede colpisce principalmente gli atleti

che corrono e saltano e, all'interno di questi gruppi, principalmente gli atleti per hobby e gli atleti nella gamma di sport competitivi inferiori. Gli atleti amatoriali, d'altra parte, a volte aumentano il carico di lavoro di allenamento in modo troppo improvviso, ad esempio in vista di una competizione imminente.

Ma anche con un piano di allenamento adeguato, possono verificarsi microfratture da fatica. Le donne hanno maggiori probabilità di subire fratture da stress rispetto agli uomini. Una delle ragioni di questa prevalenza potrebbe essere l'equilibrio ormonale femminile, poiché la mancanza di estrogeni durante la menopausa influisce sul metabolismo osseo e riduce l'accumulo di calcio nelle ossa. L'osso diventa più fragile e quindi più suscettibile a una microfrattura da stress.

Cause e fattori di rischio per una microfrattura da stress

Una microfrattura da stress, a differenza di una frattura traumatica, che è il risultato di una caduta, ad esempio, è sempre causata da stress effettivamente familiari. Responsabili del danno materiale dell'osso sono i movimenti (ripetitivi) costantemente ripetuti, che sollecitano l'osso per un lungo periodo di tempo e possono portare a fratture incomplete o complete.

Oltre alle condizioni preesistenti, gli errori comportamentali da parte del paziente sono fattori di rischio per una microfrattura da stress:

- errori di allenamento e sovrallenamento,

- brusco aumento dell'intensità o del volume dell'esercizio,

- calzature sbagliate,

- terreno irregolare durante l'allenamento di corsa,

- tecnica di corsa errata o carichi errati specifici per lo sport,

- deformità del piede come ad esempio una deformità dell'addotto metatarsale congenita o acquisita

- disturbi del metabolismo ormonale, elettrolitico, vitaminico.

La maggior parte delle microfratture da stress deriva da un allenamento improprio o da sovrallenamento a un'intensità o un volume troppo elevati. Ma una diversa distribuzione del carico nel mesopiede, come uno spostamento congenito o acquisito del peso corporeo verso le ossa metatarsali esterne (deformità del metatarso addotto), promuove anche una microfrattura da stress. Se gran parte del peso corporeo si sposta dal 1° raggio dell'alluce (alluce) al 2° raggio dell'alluce, ciò può provocare una microfrattura da fatica o un'artrosi nel metatarso.

Anche i cambiamenti metabolici o altre malattie sottostanti possono influenzare la stabilità delle ossa. Osserviamo danni alle ossa negli atleti con disturbi mestruali o nelle persone che seguono una dieta squilibrata. Anche i disturbi elettrolitici o una carenza di vitamina D possono essere decisivi per la riduzione della qualità e della densità ossea. Questi fattori scatenanti di fratture, che possono essere ricondotti a malattie sottostanti esistenti o sintomi di carenza, sono indicati come fratture da insufficienza. Devono essere distinti dalle microfratture da stress.

Oltre ad un'anamnesi esatta (quando, come, dove?), che interroga anche su abitudini alimentari e problemi ormonali, viene effettuato un preciso esame clinico per registrare la regione interessata e individuare possibili diagnosi differenziali (malattie articolari , muscoli e tendini). I raggi X ed ecografia (soprattutto sul piede) sono standard. La risonanza magnetica e la TC possono completare la diagnosi. Esistono classificazioni che aiutano a valutare la gravità della risposta allo stress osseo. I test di laboratorio possono identificare ragioni specifiche per il rammollimento osseo.

Fisioterapicamente un'analisi del cammino e della postura, possono rilevare malposizioni funzionali.

Diagnosi delle microfratture da stress del piede

Soprattutto, l'esame obiettivo e un'anamnesi dettagliata aiutano l'ortopedico a fare la diagnosi. Oltre a chiedere informazioni sui fattori di rischio e sulle malattie sottostanti, ciò include un esame della palpazione locale, che è una parte essenziale della sospetta diagnosi. Lo specialista esamina le condizioni di muscoli, legamenti e tendini per escludere sintomi di sovraccarico e danni a queste strutture. Presta anche attenzione al gonfiore, alle aree tenere o all'ispessimento osseo palpabile (callo) che possono derivare da cambiamenti strutturali nell'osso.

Dopo l'esame clinico, il medico avvia una procedura di imaging per poter valutare la situazione delle ossa, dei muscoli e dei legamenti. Non è sempre facile confermare la diagnosi, poiché le alterazioni ossee causate da microfratture da stress sono molto variabili nelle fasi iniziali. Le immagini a raggi X spesso non sono significative. Nella maggior parte dei casi, le sottili interruzioni nella struttura ossea sono visibili solo a raggi X da due a quattro settimane dopo la comparsa dei primi sintomi. Solo in seguito possono verificarsi compattazione ossea, linee di frattura o reazioni del periostio. Pertanto, il medico curante deve essere consapevole della discrepanza tra i sintomi clinici e un reperto ancora normale per poter diagnosticare una microfrattura da stress in una fase iniziale.

La risonanza magnetica (MRI) consente già una diagnosi precoce e significativa. L'immagine dello strato può essere utilizzata per mostrare le reazioni del periostio e l'edema del midollo osseo, che forniscono un'indicazione precoce di una possibile microfrattura da stress.

Terapia della microfrattura da stress del piede

Nel trattamento di una microfrattura da stress, gli specialisti del piede si concentrano sempre sulla terapia conservativa con protezione e riduzione del dolore.

Stampelle, ortesi e plantari ortopedici vengono spesso utilizzati per evitare qualsiasi stress che provoca dolore dovrebbe. L'immobilizzazione dipende dalla posizione e dalla gravità della microfrattura da fatica. Se la microfrattura da stress si trova nell'area di una superficie articolare, la gamba ed il piede devono sempre essere sollevati e completamente immobilizzati, altrimenti c'è il rischio che i frammenti ossei scivolino via. Lo scarico può essere fornito con stampelle, scarpe speciali (ortesi) o plantari per scarpe a distribuzione del carico con supporto per arco plantare. Non è necessaria l'immobilizzazione completa in un gesso. In alcuni casi, ad esempio, il paziente può esercitarsi parzialmente in acqua o in bicicletta, in modo che sia possibile un allenamento leggero.

Procedure come il drenaggio linfatico, i bendaggi e il kinesiotape hanno un effetto decongestionante e favoriscono la guarigione.

Tra le misure fisioterapiche, la terapia con onde d'urto è particolarmente importante, poiché l'uso di onde d'urto extracorporee può accelerare la guarigione del corpo dalle microfratture da stress.

In caso di malposizioni dell'asse delle gambe o del piede (es. piedi piatti, pronati ad esempio), è utile un preciso e professionale percorso fisioterapico: le reazioni ossee allo stress nelle regioni ossee a basso rischio richiedono una riduzione/adattamento del carico di esercizio, fino a una dispensa temporanea dall'attività o dall'esercizio.

Promo 30 perc it

Prodotti correlati

Strappal

Adesivo non elastico

€ 187,20

Acquista

Dream K Tribe

Bendaggio neuromuscolare e propriocettivo

€ 4,55 € 7,50

Acquista

Urtosix Emc

Onda d'Urto

Acquista