Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

Frattura delle vertebre: cosa fare e cosa no

Frattura vertebre cosa fare

Le fratture della colonna vertebrale sono discontinuità ossee e/o discoligamentose della colonna vertebrale, e possono interessare ogni sezione della colonna stessa.

Possono verificarsi come fratture patologiche (osteoporosi, tumori ossei e metastasi) o in seguito a un trauma. Di solito si esprimono principalmente attraverso il dolore locale, ma possono anche essere notati sintomi radicolari o midollari. Oltre a un'anamnesi dettagliata e un esame fisico, la diagnostica per imaging, ad es. Radiografia, TC o risonanza magnetica, è decisiva per l'ulteriore corso della terapia.

Classificazione delle fratture delle vertebre

In linea di principio, le fratture della colonna vertebrale toracica e lombare possono interessare qualsiasi sezione della colonna vertebrale. È necessario distinguere tra fratture stabili che possono essere trattate in modo conservativo e lesioni instabili che richiedono un intervento chirurgico. Magerl (1994) definì come criteri di stabilità la compressione della spongiosa o del corpo vertebrale con legamento intatto e connessioni articolari e dischi intervertebrali leggermente lesionati. Nelle cosiddette lesioni instabili della colonna vertebrale, almeno 2 delle 3 colonne (corpo vertebrale anteriore, corpo vertebrale posteriore, complesso del legamento spinale posteriore) sono danneggiate. Queste fratture con instabilità della colonna vertebrale vengono trattate chirurgicamente per la stabilizzazione e possono quindi essere riabilitate come le cosiddette fratture stabili, trattate in modo conservativo. La classificazione AO della colonna vertebrale è utilizzata a livello internazionale dal 2014.

Altra classificazione principale riguarda la presenza o meno di danni neurologici:

  1. Fratture Mieliche: è presente un danno neurologico.
  2. Fratture Amieliche: non è presente danno neurologico.

Eziologia, patogenesi e patofisiologia delle fratture vertebrali

Le fratture delle vertebre derivano da traumi diretti o indiretti alla colonna vertebrale. Ciò può avvenire attraverso una forza esterna come un trauma da compressione, flessione, estensione o rotazione o una combinazione di questi. Oppure da una causa interna con un aumento patologico della tensione muscolare (ad es. una crisi epilettica) può anche provocare una nuova lesione alla colonna vertebrale.

Siti di predilezione per le fratture sono le sezioni mobili della colonna vertebrale, ovvero i passaggi dal rachide cervicale al torace più stabile o dal torace più stabile al rachide lombare (C6 a T1, T12 a L2). Lesioni significative di accompagnamento o conseguenze di una frattura sono: compressione radicolare, paraplegia spinale, deformità con effetti statici, perdita di funzione e instabilità segmentale (AA.VV.).

Colonna vertebrale: riabilitazione post frattura

In bibliografia si trovano pochi studi concernenti specificamente l'inizio della riabilitazione dopo lesioni alla colonna vertebrale. Più comunemente, si trovano studi di valutazione a follow-up dopo altre procedure spinali elettive come la discectomia o la fusione.

Nel 2008, uno studio prospettico, randomizzato e multicentrico è giunto alla conclusione che la riabilitazione dopo un trauma non dovrebbe iniziare immediatamente, ma solo 6 settimane dopo il completamento dell'assistenza acuta, al fine di far tornare al lavoro entro 6 mesi un numero significativamente maggiore di pazienti (soprattutto quelli con lesioni spinali) (Einsiedel T et al., 2008). A spiegazione di questo risultato, si discute che i soggetti che hanno iniziato la riabilitazione subito dopo la fine del trattamento acuto non hanno potuto beneficiare appieno delle possibilità riabilitative. La significatività dello studio è limitata da un piccolo numero di casi e da un alto tasso di "esclusi dallo studio e dalla riabilitazione".

Se la lesione alla colonna vertebrale si è verificata nell'ambito di un politrauma, è necessaria una riabilitazione precoce nell'ambito della degenza ospedaliera acuta. L'inizio immediato della riabilitazione dopo la fine del trattamento acuto pone particolari esigenze alla struttura riabilitativa al fine di consentire ai pazienti con disabilità anche più gravi una riabilitazione individuale ottimale. Si raccomanda l'attuazione senza soluzione di continuità della riabilitazione dopo il trattamento acuto, pertanto, ha senso, soprattutto in caso di lesioni multiple, coinvolgere i servizi sociali dell'ospedale per avviare la riabilitazione. durante la fase acuta a stretto contatto con il medico curante il paziente e alla ricerca di un'idonea struttura post-trattamento.

Obiettivi riabilitativi

L'obiettivo principale della riabilitazione è quello di migliorare la salute funzionale e ripristinare la capacità originaria di partecipare. In caso di rimanenti disturbi e menomazioni funzionali, la capacità di muoversi, di interagire e di lavorare dovrebbe essere ripristinata nel modo migliore e il più rapidamente possibile.

Poiché le fratture del corpo vertebrale si verificano spesso nel contesto di gravi incidenti, solitamente con un drastico cambiamento nei piani di vita, far fronte all'evento incidentale solitamente traumatizzante e alle conseguenze dell'incidente rappresenta un importante obiettivo riabilitativo, associato al supporto nell'elaborazione psicologica e il ripristino dell'integrità sociale e professionale di ciò che esisteva prima dell'evento.

Oltre alla reintegrazione, l'obiettivo a lungo termine per la guarigione di una frattura delle vertebre è prevenire il dolore cronico. I risultati degli studi ad oggi disponibili indicano un forte coinvolgimento di fattori psicologici nella cronicità del mal di schiena. C'è un alto livello di evidenza che ciò si applica in particolare alla depressione, all'ansia, al disagio lavorativo, al comportamento passivo del dolore e alle cognizioni legate al dolore come la catastrofe, l'impotenza/disperazione e le convinzioni di evitamento della paura (Linton SJ., 2000).

Fisioterapia delle fratture vertebrali

Misure concrete devono essere derivate dagli obiettivi riabilitativi e terapeutici e diversi sotto-obiettivi devono essere fissati nelle singole fasi riabilitative:

  • Riduzione del dolore
  • Riduzione dell'edema
  • Stabilizzazione della zona lesa e dei segmenti adiacenti
  • Ripristino di una postura e mobilità fisiologiche
  • Apprendimento del comportamento ergonomico
  • Autosufficienza e indipendenza nelle attività della vita quotidiana
  • Integrazione professionale e sociale.

Terapia del dolore

Un'adeguata terapia del dolore dopo le fratture del corpo vertebrale è un prerequisito essenziale per la mobilizzazione precoce del paziente e per evitare danni cronici come lombalgia per esempio (Nikolajsen L., 2006).

Gli interventi di terapia del dolore dovrebbero essere basati sui bisogni individuali del paziente, essere multimodali:

  • trattamento farmacologico,
  • fisioterapia,
  • esercizio fisico
  • terapia occupazionale,
  • terapia fisica,
  • terapia comportamentale,
  • terapia del rilassamento.

I consigli sulle tecniche di autocontrollo per il dolore e le istruzioni per l'autovalutazione del dolore dovrebbero anche consentire al paziente di partecipare attivamente e responsabilmente alla gestione del dolore.

Oltre al chiarimento dell'intensità del dolore, della frequenza e della durata del dolore, della localizzazione, della qualità e dei fattori scatenanti il dolore, l'anamnesi del dolore include anche la registrazione dello stato psicologico (paure, rabbia, rabbia, depressione). 

Fisioterapia

Nel contesto della riabilitazione dopo fratture traumatiche della colonna vertebrale, i seguenti obiettivi terapeutici sono in primo piano quando si utilizza la fisioterapia:

  • Sollievo dal dolore
  • Aumento della resistenza generale e locale
  • Regolazione e stabilizzazione del tono muscolare segmentario e globale
  • Allenamento alla consapevolezza del corpo e alla percezione dello stress
  • Attivazione e rafforzamento dei muscoli indeboliti
  • Migliorare le capacità di coordinamento e propriocezione
  • Ripristino o ottimizzazione dei normali pattern di movimento
  • Migliorare la resilienza fisica e mentale

Terapie del movimento in acqua calda area offrono la possibilità di allenare forza, resistenza e coordinazione in terapia individuale o di gruppo sfruttando gli effetti dell'idroterapia.

Tecniche di fisioterapia per le fratture vertebrali

Massoterapia

La massoterapia classica è utilizzata come tecnica di trattamento manuale basata sui risultati, in quanto esercita stimoli meccanici sulla pelle, sul tessuto sottocutaneo e sui muscoli. Gli effetti sul corpo sono:

  • Promozione della circolazione sanguigna e del metabolismo
  • Regolazione del tono muscolare
  • Rilassamento
  • Sollievo dal dolore
  • Allentamento delle aderenze (anche con cicatrici)

Inoltre, sono possibili effetti riflessi, ad organi o apparati. 

Termoterapia

La terapia del freddo viene utilizzata nel postoperatorio per ridurre il dolore e il gonfiore. La terapia del calore viene eseguita con calore irradiato o condotto. Questo porta ad un aumento della circolazione sanguigna e del metabolismo e quindi alla rimozione dei mediatori dell'infiammazione.

Elettroterapia 

L'elettroterapia viene utilizzata come corrente continua o corrente alternata di diverse frequenze (terapia di stimolazione a bassa frequenza, terapia a media frequenza, terapia ad alta frequenza). I campi elettromagnetici applicati determinano effetti fisici nell'organismo, come lo sviluppo di calore locale con una migliore circolazione sanguigna. Inoltre, è possibile ottenere effetti analgesici e influenzare il tono muscolare.

Ortesi

L'uso delle ortesi spinali nel trattamento delle fratture della colonna toracica e lombare è stato discusso in modo controverso in letteratura. L'attuale situazione dello studio è disomogenea e non mostra alcun chiaro miglioramento dell'esito attraverso l'uso di ortesi, né nel contesto del trattamento conservativo né chirurgico di follow-up. Gli studi sono spesso disomogenei a causa delle diverse fratture incluse, delle diverse metodiche chirurgiche e del concetto di post-terapia e non possono essere confrontati.

Le analisi biomeccaniche sono difficili. Tuttavia, le ortesi vengono utilizzate ancora nel Trattamento di follow-up delle fratture vertebrali trattate chirurgicamente e in modo conservativo. 

Le ragioni di ciò di solito sono una stabilità poco chiara, ad esempio nel caso di una lesione multilivello della transizione toraco-lombare o se le fratture di grado più elevato di instabilità per impossibilità a trattare chirurgicamente o se l'infortunato desidera una terapia conservativa non sono fornite delle necessarie cure standard.

Terapia manuale

Nella fase iniziale, le tecniche di terapia manuale non dovrebbero essere eseguite nella sezione interessata della colonna vertebrale. A seconda dei risultati, anche i carichi di flessione e rotazione dovrebbero essere evitati all'inizio e elaborati solo in modo controllato successivamente nel corso della riabilitazione.

Oltre all'allenamento, l'attenzione si concentra sulle tecniche per aumentare la mobilità spinale e l'allenamento di stabilizzazione funzionale, in particolare i muscoli stabilizzatori lombare, pelvico, dell'anca e del tronco. Con l'obiettivo di migliorare il controllo della postura attiva, vengono utilizzati esercizi isometrici e dinamici in combinazione con contenuti di esercizi (senso)motori adeguati, inclusi elementi coordinativi.

Gli esercizi di resistenza aerobica di accompagnamento aumentano la forma fisica cardiovascolare e polmonare. Inoltre, per un cambiamento nel comportamento dell'attività fisica e il mantenimento a lungo termine di uno stile di vita fisicamente attivo, vengono insegnate abilità di autoregolazione legate all'esercizio per quanto riguarda il carico indipendente e il controllo dell'allenamento, formulazione indipendente di piani di movimento, strategie per affrontare gli ostacoli.

Lo sviluppo delle abilità individuali nell'affrontare i disturbi della salute funzionale sono obiettivi centrali. Per raggiungere questi obiettivi, elementi appropriati di allenamento fisico sono sistematicamente combinati con elementi pedagogici di educazione del paziente e tecniche comportamentali nella terapia sportiva.

Complicanze delle fratture vertebrali

  • Atrofia dei muscoli e osteopenia
  • Piaghe da decubito
  • Guarigione tardiva della frattura e non calcificazione
  • Dismorfie della colonna
  • Deterioramento neurologico
  • Problemi psicologici
  • Sindrome da dolore cronico

Cosa fare durante la convalescenza

  1. Utilizzare un tutore o busto nelle modalità e nei tempi indicati dai professionisti sanitari
  2. Il riposo è parte fondamentale della guarigione di una frattura vertebrale dorso-lombare, e la posizione supina ne è parte importante:
  • Allineare la colonna
  • Dormire supini con un cuscino sotto le ginocchia in modo da mantenerle leggermente flesse; altrimenti sul fianco con un cuscino in mezzo alle ginocchia
  • Alzare se possibile la zona dei piedi (ad esempio con un cuscino sotto il materasso)
  • Utilizzare un cuscino non troppo alto per la colonna cervicale

Cosa non fare con una frattura alle vertebre

Durante la convalescenza dopo una frattura vertebrale è importante:

  1. Evitare movimenti veloci sia nei passaggi ortostatici che nei movimenti degli arti.
  2. Mantenere in movimento degli arti inferiori da supino o se possibile camminando.
  3. Evitare carichi o sovraccarichi, ed eventualmente perdere qualche chilogrammo di troppo
  4. Non trascurare il rafforzamento prima possibile e per quanto possibile la muscolatura addominale, cercando di rilassare invece la muscolatura posteriore della colonna.