Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

La frattura del metacarpo

frattura metacarpo

Le fratture delle ossa metacarpali sono solitamente il risultato di un trauma (diretto o indiretto), ad esempio una caduta o un pugno.

Sono circa il 30% di tutte le fratture della mano (Towfigh et al.,2011) e principalmente riguardano il V metacarpo.

Ci sono tre lesioni tipiche al primo metacarpo, ovvero al pollice, e sono le fratture:

  • di Winterstein
  • di Bennett
  • di Rolando,

tutte e tre le quali presentano una lussazione di uno o più frammenti a causa della trazione muscolare dell'adduttore lungo del pollice.

Le fratture non scomposte sono solitamente trattate adeguatamente con un gesso dell'avambraccio per tre o quattro settimane. In caso di fratture complicate o scomposte, invece, è spesso richiesta l'osteosintesi chirurgica con l'uso di (mini) placche, fili di Kirschner o viti (di tensione). Una tipica complicazione è lo sviluppo di una pseudoartrosi.

Frattura del metacarpo: cause

Le principali cause della frattura del metacarpo sono da trauma con un meccanismo traumatico diretto o indiretto. Si tratta spesso di infortuni sul lavoro o sportivi o nell'ambito di un confronto fisico, classicamente un pugno (Müller-Mai, 2015).

  1. Compressione assiale sulla base della falange flessa ad angolo retto → probabile fratture sottocapitali.
  2. Trauma diretto → più probabili fratture oblique o trasversali.
  3. Torsione → più probabili fratture a spirale

Fratture del metacarpo: classificazione

La classificazione viene fatta in base alla posizione: frattura della base, del corpo o della testa del metacarpo.

La classificazione AO adottata a livello internazionale nel 2018, definisce le fratture metacarpali come regione 77, indicando successivamente il Metacarpo colpito da 1 a 5, poi la localizzazione della frattura da 1 a 3, dove 1 indica la testa, 2 il corpo e 3 la base del metacarpo.

Tipo di frattura: A, B, C, per indicare rispettivamente fratture extraarticolari, articolari  e articolari complete.

Ad esempio una frattura prossimale extra-articolare del terzo osso metacarpale viene indicato come: 77.3.1A.

Esistono inoltre delle forme speciali di fratture della base del I metacarpo:

  • Frattura di Winterstein: vicino alla base, frattura extra-articolare obliqua o trasversale;
  • Frattura intraarticolare con sublussazione nell'articolazione della sella del pollice;
  • Frattura da lussazione di Bennett (frattura di Bennett): frattura obliqua intra-articolare vicino alla base;
  • Frattura di Rolando: frattura intra-articolare T o Y vicino alla base              

Frattura del metacarpo: sintomi specifici

I sintomi specifici delle fratture del metacarpo sono:

·       dolore a riposo, alla pressione e al movimento della zona mediocarpica e del metacarpo colpito;

·       gonfiore e dolore alla pressione dei tessuti molli del dorso della mano;

·       possibile accorciamento del metacarpo;

·       possibile disallineamento visibile dell'asse, in particolare disallineamento in flessione;

·       possibile disallineamento rotazionale del dito corrispondente;

·       possibili sintomi da lesioni di nervose (ad esempio disturbi sensoriali nelle lesioni nervose).

Frattura del metacarpo: riabilitazione e fisioterapia

Gli obiettivi della fisioterapia e della riabilitazione sono principalmente tre in caso di intervento chirurgico e/o di terapia conservativa:

·       Scomparsa del dolore;

·       Ripristino di forma, funzione e libertà di movimento;

·       Reinserimento sociale, capacità di lavorare.

Fisioterapia dopo terapia conservativa

Durante il periodo di immobilizzazione possono essere effettuati esercizi delle articolazioni che non sono state immobilizzate.

Dopo circa 3–4 settimane:

·       è possibile utilizzare guanti compressivi e guanti di paraffina,

·       iniziare esercizio attivo per il metacarpo frattura, fisioterapia e terapia occupazionale, esercizio e stress nelle condizioni quotidiane (se la frattura è stabile).

Da circa 6 settimane:

·       esercizio e stress illimitati (allenamento stabile)

Dal 3 ° mese c'è possibilità di praticare sport a basso impatto.

Dal 6 ° mese: possibilità di praticare sport ad alto impatto

Fisioterapia: a seconda della terapia e della stabilità raggiunta dopo l'intervento

Con osteosintesi stabile, è possibile iniziare esercizi passivi, assistiti e attivi del polso senza sforzo dal 1° al 3° giorno, altrimenti è possibile effettuare solo esercizi indipendenti delle articolazioni che non sono state immobilizzate.

Dalla 4° settimana: movimento illimitato.

Dalla 8° settimana: esercizio e stress illimitati.

Dal 2 ° mese: possibilità di praticare sport a basso impatto.

Dal 3 ° mese: possibilità di praticare sport ad alto impatto.

Schema di trattamento di follow-up per fratture metacarpali trattate chirurgicamente

Fase 1 - Obiettivo: guarigione delle ferite e decongestione

            Giorno 1 - settimana 2 dopo l'intervento: stabilità del movimento:

·       Immobilizzazione dipendente dal trattamento chirurgico e dalle condizioni dei tessuti molli (vedi anche: Frattura metacarpale – terapia).

·       Movimento assistivo e attivo delle dita nell'area indolore senza sforzo.

·       Movimento attivo della spalla, gomito e polso.

·       Guanto di compressione e/o di paraffina se necessario.

Fase 2 - Obiettivo: agilità passiva e attiva

            Settimana 3-4 dopo l'intervento: stabilità dell'esercizio:

·       Movimento attivo e assistivo delle dita senza limiti.

·       Allenamento funzionale per ottenere un comportamento di movimento fisiologico.

Fase 3 - Obiettivo: reinserimento nella vita quotidiana

            Settimane 5-6 dopo l'intervento:

·       Movimento attivo con aumento individuale del carico fino a pieno carico nelle condizioni quotidiane.

·       Formazione di coordinamento.

Fase 4 - Obiettivo: piena resilienza

            Settimana 6-8 postoperatoria: passaggio alla stabilità dell'allenamento:

·       Dall'ottava settimana dopo l'intervento: movimento e sforzo illimitati.

·       Dal 2° mese dopo l'intervento: approvazione per sport a basso impatto.

·       Ripresa della formazione specifica per lo sport.

·       Dal 3° mese dopo l'intervento: approvazione per sport ad alto impatto.

Frattura del metacarpo: esempio di esercizi di riabilitazione

1.     Flessione ed estensione del polso:

·       Mettere l'avambraccio su un tavolo con la mano e il polso che dovrebbero estendersi oltre il tavolo, con il palmo rivolto verso il basso.

·       Piegare il polso per muovere la mano verso l'alto e lascia che la mano si chiuda a pugno. Ora abbassare la mano e lascia che le dita si rilassino. Mantenere ogni posizione per circa 6 secondi.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

2.     Pronazione e allungamento in supinazione:

·       Afferrare una penna, una matita o un bastoncino e avvolgerci attorno la mano, oppure chiuderla a pugno. Quindi sollevare il braccio in modo che il gomito sia al fianco, piegato a circa 90 gradi.

·       Ruotare lentamente l'avambraccio il più possibile avanti e indietro in ogni direzione. La mano dovrebbe essere rivolta verso l'alto e poi verso il basso. Mantere ogni posizione per almeno 15-30 secondi fino a sentire un allungamento nell'avambraccio.

·       Ripetere da 2 a 4 volte.

3.     Deviazione radiale e ulnare:

·       Afferrare una bottiglia d'acqua con la mano, oppure chiudere la mano a pugno.

·       Con il gomito su un tavolo, piegare lentamente il polso verso l'alto. Quindi abbassare il polso nella posizione iniziale.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

4.     Strizzare l'asciugamano:

·       Mettere un piccolo rotolo di asciugamano su un tavolo.

·       Con il palmo della mano rivolto verso il basso, prendere l'asciugamano, strizzarlo per circa 6 secondi. Quindi raddrizzare lentamente le dita per rilasciare l'asciugamano. Ripetere da 8 a 12 volte.

5.     Pronazione dell'avambraccio contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate, posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano e il polso davanti al ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con il palmo rivolto verso l'alto. Tenendo il polso dritto, ruotare il palmo verso l'interno verso la coscia contando fino a 2. Quindi riportare lentamente il polso nella posizione di partenza contando fino a 5.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

6.     Supinazione contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate,  posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano e il polso  davanti al ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con il palmo verso il basso. Tenendo il polso dritto, muovere il palmo verso l'esterno e lontano dalla coscia per un conteggio di 2. Quindi riportare lentamente il polso alla posizione di partenza contando fino a 5.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

7.     Deviazione ulnare contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate, posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano interessata e il polso all'interno del ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con il palmo verso il basso. Piegare lentamente il polso verso l'esterno e verso il ginocchio contando fino a 2. Quindi riportare lentamente il polso nella posizione iniziale contando fino a 5.

·       Ripetereda 8 a 12 volte.

8.     Deviazione radiale contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate, posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano e il polso davanti al ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con la mano rivolta verso l'altra coscia. Piegare lentamente il polso verso l'alto contando fino a 2. Quindi abbassare lentamente il polso contando fino a 5.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

9.     Flessione del polso contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate, posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano e il polso davanti al ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con il palmo rivolto verso l'alto. Piegare lentamente il polso verso l'alto contando fino a 2. Quindi abbassare lentamente il polso contando fino a 5.

·       Ripetere da 8 a 12 volte.

10.  Estensione del polso contro resistenza:

·       Seduto piegato in avanti con le gambe leggermente divaricate, posizionare l'avambraccio sulla coscia con la mano e il polso davanti al ginocchio.

·       Afferrare un'estremità di un elastico con il palmo verso il basso. Piegare lentamente il polso verso l'alto contando fino a 2. Quindi abbassare lentamente il polso contando fino a 5.

·       Ripeti da 8 a 12 volte.