Spedizione gratuita per ordini superiori a 50,00 €

Frattura di Colles: la riabilitazione

frattura colles

Le fratture del polso, ovvero delle estremità distali del radio e più raramente dell'ulna, rappresentano circa il 17% delle fratture totali trattate in pronto soccorso (Kulej M., et al., 2008). Sono spesso causate da traumi a bassa energia con la mano flessa in posizione di difesa.

L'età più colpita è quella intorno ai 60 anni con una maggiore incidenza nel sesso femminile (60%). Fino ai 30 anni l'incidenza è maggiore nel sesso maschile come conseguenza di incidenti stradali, sportivi o traumi da caduta (Anwar F., et al., 2009); tra i 30 e i 50 anni i due sessi si equivalgono fino ad essere 7 volte superiore nelle donne dopo i 60 anni, complice l'osteoporosi post-menopausa e la frequenza delle cadute (Gnudi S. et al., 2002; Clayton RA., et al., 2009).

Classificazione fratture di polso

Esistono vari modi di classificare le fratture del polso e la seguente si basa sulle caratteristiche radiografiche della frattura (Classificazione AO, Arbeitsgemeinschaft Osteosynthesefragen, Muller ME et al., 1993).

  • Tipo A: fratture esterne all'articolazione senza coinvolgimento articolare.
  • Tipo B: fratture dell'articolazione con interessamento articolare parziale.
  • Tipo C: fratture dell'articolazione con interessamento articolare complesso.

La classificazione delle forme di frattura determina la gravità della lesione e fornisce al personale medico informazioni sulle procedure di cura e sul processo di guarigione o sulla durata della guarigione.

A seconda dell'andamento dell'incidente, si verificano vari disallineamenti, che vengono indicati come segue:

  • La "frattura di Colles" (detta anche "loco typico") è la tipica frattura del radio distale. È causata da una caduta sulla mano tesa e vicino alla linea articolare. Spesso il processo osseo sul radio viene fratturato per avulsione (“strappato”), con il frammento vicino al polso si sposta all'indietro.
  • La "frattura di Smith" è anche conosciuta come la "frattura di Colles" inversa. È causato dalla caduta sulla mano piegata. Il frammento vicino al polso si sposta verso il basso.

Esiste inoltre una classificazione eponimica molto diffusa di alcune tipologie di fratture:

  1. Frattura di Colles:
  • interessa la metafisi, con la superficie articolare intatta, e nel 50% dei casi con frattura dello stiloide ulnare;
  • tipo di frattura più comune dovuta ad una caduta a mano aperta in estensione di polso;
  • può avvenire a qualsiasi età ma più frequente negli anziani e nelle donne. 
  1. Frattura di Smith (o Colles inversa):
  • stessa zona della frattura di Colles
  • si verifica dopo una caduta all'indietro con mano aperta e polso in estensione, con lo spostamento in avanti del segmento rotto;
  • meno frequente della precedente.

Eziopatogenesi delle fratture di Colles

La rottura di solito si verifica quando le persone cercano istintivamente di proteggersi da una caduta con la mano. La frattura si verifica più frequentemente nei bambini e adolescenti, così come negli anziani sopra i cinquanta, soprattutto nelle donne. Ciò è dovuto alla diminuzione della densità ossea:

  • nei bambini, la mineralizzazione dell'osso è leggermente inferiore dopo uno scatto di crescita;
  • negli over 50, l'osteoporosi è la causa della diminuzione della densità ossea.

Dopo una frattura, si verifica un forte dolore nell'area e le persone colpite non possono muovere l'articolazione del polso, che al movimento inoltre presenta uno scricchiolio.

Dall'esterno si può notare un gonfiore, un ematoma ed in caso di lesioni più gravi, è già possibile riconoscere un disallineamento. Questo tipo di frattura è accompagnata a volte da lesioni di  muscoli, nervi o vasi sanguigni.

Frattura di Colles: cosa fare?

Per determinare la frattura, vengono eseguite due radiografie da angolazioni diverse, ed in caso di fratture complicate, sono spesso necessari esami aggiuntivi come la tomografia computerizzata (TAC).

Trattamento conservativo

Il trattamento di una frattura del radio dipende dalla sua stabilità. Se la frattura può essere stabilizzata in sicurezza dal medico in anestesia, viene utilizzato un calco in gesso per immobilizzarla e viene eseguito un regolare controllo radiografico per garantire che la riduzione sia mantenuta.

Le fratture senza coinvolgimento articolare e con scarso dislocamento osseo sono generalmente trattate in modo conservativo: un apparecchio gessato, un tutore personalizzato o standard, dell'avambraccio immobilizzerà il sito della frattura per circa 4-6 settimane, seguito poi da intervento riabilitativo mirato.

Trattamento chirurgico

In caso di fratture instabili e aperte, con importante disallineamento ove ci sia il rischio che le ossa si muovano nuovamente, si esegue un'operazione chirurgica. La frattura viene trattata con viti e/o una placca. In caso di fratture complesse può essere preso in considerazione un fissatore esterno.

La scelta più comune al momento è quella di utilizzare una placca di fissaggio con il vantaggio che questa procedura rende stabile l'articolazione nei movimenti e la fisioterapia può essere iniziata il primo giorno dopo l'operazione. Movimento stabile significa che alcuni movimenti sono consentiti senza il rischio di spostamento della frattura.

In che modo la fisioterapia aiuta dopo una frattura di Colles?

Trattamento conservativo

Il trattamento fisioterapico inizia mentre il paziente indossa ancora il gesso. Le tecniche di mobilizzazione attiva e passiva hanno lo scopo di migliorare la piena mobilità della spalla, del gomito e delle dita. Inoltre è compito del fisioterapista monitorare il paziente e nel caso in cui si verificano complicazioni, come dolore o disturbi sensoriali, il medico curante verrà nuovamente consultato al fine di intercettare complicazioni più serie e importanti.

Il fisioterapista spiegherà anche quali movimenti sono consentiti e cosa è meglio evitare. All'inizio non è possibile sostenersi o appoggiarsi con la mano, nè sollevare oggetti pesanti con le dita, altrimenti si creano forze a livello articolare che possono far muovere i frammenti.

Dopo che il gesso è stato rimosso, si sviluppa la piena mobilità di tutte le articolazioni coinvolte e di quelle adiacenti. Inoltre, viene avviato l'allenamento di forza e stabilizzazione dell'articolazione del polso per un ritorno più veloce possibile all'attività di vita quotidiana e successivamente anche a quella sportiva.

Trattamento chirurgico 

La fisioterapia dovrebbe anche essere iniziata immediatamente dopo l'operazione.

Nella fase infiammatoria iniziale vengono effettuati interventi decongestionanti come:

  • drenaggio linfatico,
  • movimenti nell'area indolore,
  • movimenti senza sforzo,
  • rielaborazione dei movimenti.

La crioterapia in combinazione con l'esercizio fisico aiutano anche a ridurre il gonfiore.

Dopo la fase infiammatoria (circa 3-7 giorni dopo l'intervento) si pratica la mobilità delle articolazioni con diverse tecniche attive e passive, tecniche di trattamento che vengono eseguite nel range indolore.

Dal 21° giorno dopo l'operazione, il tessuto osseo dovrebbe essere stabilizzato e l'elasticità e la resilienza del tessuto connettivo dovrebbero aumentare. In questa fase è possibile elaborare importanti funzioni del braccio, come la funzione di supporto.

Come con qualsiasi operazione, anche qui possono sorgere complicazioni. Il fisioterapista valuterà nuovamente la situazione ad ogni seduta e, se necessario, interverrà in una fase precoce e se necessario contatterà il medico chirurgo.

Complicazioni 

Possibili complicazioni al trattamento sia chirurgico che conservativo potrebbero essere:

  • Disturbo della guarigione delle ferite (chirurgica o associata al trauma),
  • morbo di Sudeck o sindrome compartimentale,
  • Sindrome del tunnel carpale,
  • Disallineamenti persistenti con mobilità ridotta,
  • Funzionalità limitata.

Riabilitazione dopo la frattura di Colles

Durante la fase di immobilizzazione devono essere eseguiti esercizi di mobilizzazione per le dita e la spalla. Questi esercizi migliorano la circolazione sanguigna e mantengono la mobilità delle articolazioni che non sono interessate dalla frattura ma sono limitate nella loro mobilità dal gesso. Se la frattura è stabile, si può praticare anche la rotazione dell'avambraccio (supinazione e pronazione), dietro ovviamente indicazione del chirurgo. Il polso non deve essere spostato per non mettere in pericolo la guarigione della frattura.

Dopo la rimozione dell'apparecchio gessato, il polso viene nuovamente mobilizzato. In fisioterapia dopo una frattura del radio distale, vengono utilizzati diversi e particolari ausili, per mobilizzare e riabilitare ogni singola articolazione del polso della mano ed eventualmente anche delle dita.

In caso di frattura instabile (lussata) o coinvolgimento articolare, viene solitamente utilizzato un intervento chirurgico. La frattura può essere riparata con viti e placche, o con fili. Nei casi più gravi può essere utilizzato un fissatore esterno. Questo fissa i singoli frammenti ossei attraverso la pelle e può essere corretto e regolato dall'esterno, se necessario. Dopo un'operazione c'è anche l'immobilizzazione, anche qui le articolazioni non interessate possono già essere mobilitate per migliorare la circolazione sanguigna e mantenere la mobilità. Il polso dovrebbe essere sempre tenuto fermo.

La riabilitazione non deve assolutamente essere mirata a sfruttare i meccanismi di compenso, ma deve porre la propria attenzione principalmente all'articolazione radio-carpica, al fine di evitare le aderenze che si formano nei postumi del trauma. Inoltre è necessario porre attenzione alle articolazioni prossimali o distali che possono sviluppare rigidità, a partire dalla scapolo-omerale fino alle interfalangee distali.

Oltre all'ampiezza del movimento (AROM e PROM) e alla forza, al fine di un recupero completo è imprescindibile porre attenzione al ripristino delle sensibilità discrimativo-tattili, alla propriocezione e agli esercizi di abilità. Il polso e la mano sono costituiti da una serie di articolazioni che lavorano insieme per la massima mobilità e duttilità funzionale. La sola immobilità può determinare rigidità articolare, contratture, e perdita dell'effetto tenodesico.

Il trattamento riabilitativo è ovviamente diversificato e personalizzato in base all'età e alla tipologia del paziente, al tipo di lesione ed anche al tipo di trattamento ortopedico.

Esercizi standard dopo una frattura di polso

Dopo la rimozione dell'apparecchio gessato o dopo l'intervento chirurgico, ha luogo la fisioterapia mobilizzante e rinforzante: il polso viene mobilizzato delicatamente e attivamente con esercizi dopo essere stato immobilizzato.

  1. Mentre la punta delle dita e i gomiti sono a contatto con il piano di appoggio, il polso viene sollevato da terra il più possibile per ottenere una flessione dell'articolazione.
  2. Per migliorare l'estensione del polso, il polso rimane sulla base come punto fisso mentre la mano e il gomito sono sollevati dalla base. Questi sono esercizi nell'area della mobilitazione di contrasto.
  3. In alternativa, una pallina delle dimensioni di un pugno può essere fatta rotolare avanti e indietro con il palmo della mano per mobilitare il polso.
  4. Le componenti del movimento laterale possibili nel polso, l'abduzione ulnare e l'abduzione radiale possono essere ben addestrate con l'aiuto di un panno sottile. L'avambraccio rimane saldamente in superficie durante l'esercizio. La mano è appoggiata sul panno che viene fatto scivolare bene e facilmente sul piano di appoggio. Il tessuto riduce la resistenza all'attrito e il movimento può essere eseguito più facilmente.
  5. Anche la rotazione della mano/avambraccio dovrebbe essere allenata di nuovo. Esistono diversi esercizi per questo movimento, con e senza aiuti.

È sempre importante prestare attenzione alla precisa esecuzione durante gli esercizi. I meccanismi di evasione e le strategie di compensazione possono limitare il successo della terapia e portare a una compromissione della funzionalità a lungo termine.

Controindicazioni e consigli

La nostra mano occupa la porzione più grande a livello dell'Homunculus Corticale, essendo questa molto duttile e sofisticata: infatti incorre velocemente e facilmente in compensi motori adattivi che non sempre poi risultano essere funzionali. Nel caso quindi di una frattura di polso, la controindicazione principale è la riabilitazione “Fai da te”; il consiglio è di rivolgersi ad uno specialista della riabilitazione della mano, specifico, poiché questa abbisogna di studi e corsi appositi per essere valutata, approcciata e trattata.